GTranslate

Chi è online

Abbiamo 761 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

 
MEMORIAL ROSA BALISTRERI 11° EDIZIONE
SEZIONE POESIE

U PANI
Giovanni Rizza

U PANI

Binidittu DIU, ogni mumentu

ca' criau, lu frumentu!

l’omu lu travagghia cu' li so manu

pi fari, u pani a lu essiri umanu!

U pani a nuddu mai ci havi mancari

e l’omu onestamenti, si a varagnari.

U pani è megghiu, di l’oru e l’argentu

l’omu, havi bisognu di stu' nutrimentu.

U pani, l’essiri umanu mai hà disidirari,

e tutti li populi, poviri, lu pozzanu mangiari ,

u puvureddu, u pani , si dona!

e tutti, facemu n’opira bona.

Unni c’e’ u pani e lettu

nta' famighia c’è rizzettu,

l’omu, ca havi u pani è filici,

e lu travagghiu Diu ci binidici

Cristu e Discepuli u pani cci spartiu

e dissi, chistu è lu miu corpu, e lu biniriciu

U pani è Santu, e si vasa

A tutti mai a mancari ntà so casa .

 

IL PANE

Benedetto Dio, ogni momento

che ha creato il frumento

l’uomo lo lavora con la sua mano

per fare il pane all’essere umano!

Il pane a nessuno deve mancare

e l’uomo onestamente lo deve guadagnare

Il pane è migliore dell’oro e dell’argento

l’uomo, ha bisogno di questo nutrimento.

Il pane, l’essere umano non lo deve mai desiderare

e tutti i popoli poveri lo possano mangiare

Al poveretto il pane si dona

e tutti facciamo un’opera buona

Dove c’é il pane e il letto

nella famiglia c’e riassetto

l’uomo che ha il pane è felice

e il lavoro Dio ci benedice

Cristo ai discepoli il pane ha diviso

ed ha detto questo è il mio corpo e lo ha benedetto

Il pane è santo e si bacia

a tutti non deve mancare nella loro casa.