GTranslate

Chi è online

Abbiamo 31 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

 
MEMORIAL ROSA BALISTRERI 11° EDIZIONE
SEZIONE POESIE

LAMENTU DI L’EMIGRANTI
Santina Russo

LAMENTU DI L’EMIGRANTI

Avi na vita intera

c’aspittu smaniusu sti mumenti,

campu in terra forestera,

o cuntinenti.

Caronti mi carria

mi trovu 'n-mezzu o mari,

nta lu pettu lu cori smanìa

è junta l'ura ca ti pozzu vasari.

Comu ti vidu bedda, Sicilia mia!

Ccu li to culura cauri,
la vigna c’arrussica

davanti a lu suli chi l’ammizzigghia,
lu mari chi t’accarizza,

li sireni chi ti cantanu la ninnaredda
lu ventu ca si cheta

e si ‘nginocchia davanti a 'n-celu blu
ca ‘nti lu mari si spicchia.

Comu ti vidu bedda, Sicilia mia!

S'impussessa di mia
la to malìa ...

E mentri ca Scilla mi lazzarìa,
Cariddi mi disìa

e, contru la liggenda,
mi renni a tia,

terra mia!

LAMENTO DELL’EMIGRANTE

E’ da una vita intera

che aspetto ansimante questi momenti,

vivo in terra straniera,

in continente.

Caronte mi trasporta

mi trovo in mezzo al mare

nel mio petto il mio cuore si agita

è giunta l’ora di poterti baciare.

Come ti vedo bella, Sicilia mia!

Con i tuoi colori caldi,

la vigna che arrossisce

davanti al sole che la lusinga

il mare che ti accarezza,

le sirene che ti cantano la ninna nanna

il vento che si quieta

e s’inginocchia davanti a un cielo blu

che nel mare si specchia.

Come ti vedo bella, Sicilia mia!
S’impossessa di me 

la tua malìa ...

E mentre Scilla mi lacera

Cariddi mi attira a sè

e, contro la leggenda,

mi riconsegna a te,

terra mia!