GTranslate

Chi è online

Abbiamo 46 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

LU FISTINU  DI  SANTA RUSULIA
Mariella Caruso

LU FISTINU  DI  SANTA RUSULIA

I Picciriddi  ca’  la  strata  si li teni stritti

campanu ‘nte’ casi stintati, sutta un celu splinnenti.

lassati  libbiri comu  nuvuli sciusciati do  ventu.     

A Kalsa tra fasciuna di stiddi si fa ‘a festa
di l’estati e iddi giranu chi santuzzi stampati

e cu li manuzzi aperti,    

‘ngrasciati e vacanti, pi ‘na munita,

Scuri, biunni e  russi, truttulicchi
ca’  nun  si fermanu mai.

II      

Curri curò, veni ca ci su i babbaluci. Assettati!

A viristi a’ Santuza? Com’era, bedda

Ci lu ricisti ca n’avi a fari aviri na’ casa chi è casa,

e a to patri un travagghiu chi è travagghiu?

E u picciriddu si misi a sucari babbaluci,

cull’autri, granni e nicareddi,

amici e parenti. Chi festa granni!

III

E quannu a’ notti, ‘u picciriddu pi la fami

s’arrusica i vuredda, chiurennu l’occhi

pensa a Santuzza e i babbaluci duci…

Un sapi ca Idda fussi chiù contenta

di ‘na festa menu spisusa,

di dari casi, travagghiu e beni a tutti i bisugnusi,

pani a iddu, nicuzzu chi la pria tantu.

Un sapi ca la Santa miraculi nun po’ fari

senza l’aiutu di li guvirnanti.

IV

Nne’  citati (citta’) ammucciati cu  li maschiri        

i picciriddi  appiru comu casuzza
sulu lu ventri di li matri.

Hannu ‘na tagliata... chi è  sulu chiantu ca  
s’abbrazza lu vacanti.-

Pi ognunu di navutri

sunnu un pirtusu nivuru ‘nta  nostra cuscenza.

                                                                                                                                

IL FESTINO DI SANTA ROSALIA

Bambini che la strada non ripulsa

vivono in case amputate, sotto un cielo assolato.

lasciati come nuvole al vento.

Alla Kalsa tra fasci di stelle si festeggia l’estate

e loro girano con i loro santini

o con le manine aperte, 
sporche e vuote, per una moneta.

mori, chiari, e rossi, trottoline 
che non si fermano mai.

II

Corri, curò, vieni , ci sono le lumache. Siediti!

L’hai vista la Santuzza? Com’era, bella?

Le hai detto di fare avere a tuo padre

una vera casa e vero lavoro?

E il bambino cominciò a succhiare le lumache

con gli altri grandi e piccolini,

amici e parenti. Che festa grande!

III

Ma quando a notte il bambino

per la fame sente i morsi allo stomaco,

chiudendo gli occhi, pensa alla Santuzza e alle lumache dolci. 
Non sa che Lei sarebbe stata più contenta di  una festa meno dispendiosa,

di dare case, lavoro e beni a tutti i bisognosi,

pane a lui, piccolino che la prega tanto.

Non sa che la Santa non può fare miracoli

senza l’aiuto dei governanti.

IV

Nelle città che coprono il loro volto di maschere

bambini hanno avuto 
solo il ventre della madre come casa.

Il loro sguardo è pianto che abbraccia il vuoto.

Sono per ognuno di noi 
un buco nero nella nostra coscienza.