GTranslate

Chi è online

Abbiamo 28 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

TRA LA VITA E LA MORTI
Bernardo Carollo

TRA LA VITA E LA MORTI

Cercu la to facci n’ta lu scuru chi haiu n’tunnu

ma un trovu li manu chi mi offrivi rirennu,

cerco la to taliata addinucchiuni in silenziu

ma un trovu da luci chi splinnia ogni ghiornu.

Vulissi rari un sensu a sta vita strurusa

chi passa arantu c si porta appressu tutti cosi,

picchi cummogghia li ricordi e poi li fa turnari

cu lacrimi impruvvisi tagghienti comu lame.

E l’arma si pigghia a timpuluna cu li pinseri

mentri soffri un cori senza paci e senza terra;

n’menzu a un ventu ri sciroccu c’avvampa la facci

eu cercu di rapiri l’occhi, di allungari li vrazza.

Tra un sciuscio e l’atru vulissi sentiri da vuci,

di paroli chi lu tempu n’arrubbau troppu prestu,

ma d'abbrazzu soro soro oramai riposa pi sempri

tra lu biancu marmu di na lapidi muta e fridda.

E figghia spiranza chi lassasti un chiantu n’ta lu pettu

di patri e matri pi volontà ri lu chiu altu cumannu,

quali giustizia rasti a li prieri n'ta na chiesa biniritta

si poi ti pigghiasti la luci ri n'innucenti picciridda?

Eppure lu Signuruzzu avi un pegnu ri paari

e si un ne stiornu macari sara dumani o pordumani,

ri tanti cosi una sula cosa ma‘va a sapiri riri,

picchi propriu eu fui degnu ri tuttu lu so mali.

Ali voti a lu scuru ti penso e forsi un avi senso

ma cu vo1i beni un si rassigna a1l’evidenza,

picchissu da tempu scappu allu cantu ri l’amuri

chi cu maliritti prumissi teni da firita sempri aperta.

Ogni annu Novembri
é lu misi ri li cruci e ri li chianti

specialmenti lu deci avi sempri un gustu amaru,

pi mia chi ancora stiornu unn'haiu caputo bonu

tra la vita e la morti quali ri li rue é peggiu assapurari.

 

                                                                                                              

TRA LA VITA E LA MORTE

Cerco la tua faccia nel buio che ho attorno

ma non trovo le mani che mi offrivi ridendo,

cerco il tuo sguardo inginocchiato in silenzio

ma non trovo quella luce che splendeva ogni giorno.

Vorrei dare un senso a questa vita struggente

che passa al setaccio e si porta dietro tutte cose,

perché copre i ricordi e poi li fa tornare

con lacrime improvvise taglienti come lame.

E l’anima si prende a schiaffi con i pensieri

mentre soffre un cuore senza pace e senza terra;

in mezzo a un vento di scirocco che infiamma la faccia 
io cerco di aprire gli occhi, di allungare le braccia. 
Tra un soffio e l’altro vorrei sentire quella voce, 
le parole che il tempo ci ha rubato troppo presto, 
ma quell’abbraccio lieve lieve ormai riposa per sempre 
tra il bianco marmo di una lapide muta e fredda. 
Eh figlia speranza che hai lasciato un pianto nel petto 
di padre e madre per volontà del più alto comando, 
quale giustizia hai dato alle preghiere in una chiesa benedetta 
se poi ti sei presa la luce di un’innocente bambina?

Eppure il Signore ha un pegno da pagare

e se non è oggi magari sarà domani o dopodomani,

di tante cose una sola cosa mi deve saper dire,

perché proprio io sono stato degno di tutto il suo male. 
Avvolte al buio ti penso e forse non ha senso

ma chi vuole bene non si rassegna all’evidenza,

per questo da tempo scappo al canto dell’amore

che con maledette promesse tiene quella ferita sempre aperta.  
Ogni anno Novembre e il mese delle croci e dei pianti 
specialmente il dieci ha sempre un gusto amaro, 
per me che ancora oggi non ho capito bene tra la vita e la morte 
quale delle due e peggio assaporare.