GTranslate

Chi è online

Abbiamo 162 visitatori e nessun utente online

 

LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2010- 2011
Presidente Dr. Antonio Massimo Grillo

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 10° EDIZIONE
sezione Canzoni

UNA STORIA VERA
Salvatorte marfia

 

 

UNA STORIA VERA

Vogghiu cantari cu senziu sirenu

la storia chi successi 'o parchitanu

truvannusi luntanu lu mischinu

la strata sa facia chianu chianu

e mentri caminava fu arrivati!

cu 'na vittura 'u-n'omu raffmatu.

Di dintra la machina si sintia chiamari

la dumanna siddu 'o parcu avia a ghiri

vistu ca caminava apperi

un passaggiu ci vosi uffriri

e parranno di li so discussi

ci dissi siddu 'mpignatu iddu fussi

lu viddaneddu ca cuscenza avia

'un cci arrivava la so menti stanca

ci stava dicennu ca quattro jorna avia

nna ddu patroni e poi finia

e si bisogno poi vui aviti

d'unni truvarimi vui lu sapiti.

'Nta lu discursu ci fui un mal’intisu

di la dumanna ca dd’omu cci avia fattu

e ripitennu la dumanna onesta

cci dissi ca era misu 'n lista.

Perciò siddu 'un l’avia 'mpignatu

si pozzu aviri di vui iu lu votu

e trattanussi di voti cci risposi

"mi l’aviti a diri unni vi purtati

pirchì li voti sunnu cuscinziusi

ca vui megghiu di mia lu sapiti.

E cci lu dissi mentri strata facia

sugnu 'nta lista di la dimugrazia.

         

UNA STORIA VERA

Voglio cantare con mente serena

la storia che capitò al contadino del parco

trovandosi lontano il poveretto

la strada faceva pian pianino

e mentre camminava arrivò
con un macchina un uomo raffinato.

Dalla macchina si senti chiamare

e domandare se al parco dovesse andare

visto che camminava a piedi

un passaggio gli volle offrire

e parlando dei loro discorsi

gli disse se era impegnato:

il contadinello che era coscienzioso

non capì il discorso per la stanchezza

e rispondeva che quattro giorni aveva

da lavorare dal padrone e poi avrebbe finito

e se bisogno poi voi avete

dove trovarmi lo sapete.

Nel discorso ci fu un malinteso

riguardo alla domanda che quell’uomo aveva fatto

e ripetendo la domanda onesta

gli disse che era messo in lista era candidato).

Perciò se non avete impegni

chiedo di avere da voi il voto

e trattandosi di voto (il contadino) rispose

“mi dovete dire in quale lista vi portate

perché il voto è un problema di coscienza

perché voi meglio di me lo sapete.

E glielo disse mentre camminava:

sono nella lista della democrazia (D.C.)