ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

UNNI MI METTU SONU
Pachira

UNNI MI METTU SONU

Nascivu ni stu munnu chinu chinu di culura
nill’isola du caudu, na terra di muluna
Iu già di nicu nicu mi sintiva strana a luna
pinzava putiva affirrari tutta la fortuna
Ppi fari l’astronauta o u maestru d’orchestra,
pp'addivintari papa o ballerinu di tiptap.
Ma quali tiptapca su sulu cazzi amar
e scrivu chiddu ca mi sentu dintra l’anima

Sugnu chiddu ca sugnu però a sa na cosa?
Unni mi mettu sonu e abballu puru lu tiptap.
Unni mi mettu sonu e cantu, unni mi mettu sonu.

E arridu, tingiu, abballu,
mi mbriacu e poi fazzu burdellu

Unni mi mettu sonu e cantu, unni mi mettu sonu

E dicu fazzu, pigghiu, mundu e smundu
picchì unn’aiu rrizzettu

Unni mi mettu sonu e cantu unni mi mettu sonu.

Talia cca vucca aperta picchì sacciu
fari tuttu quantu.

Criscennu m’accurgiva ca ddu munnu di culura
E a vita ca s’ammisca ccu li gioi e li dulura
E ora ca sugnu ranni e c'aiu sempri strana a luna
Aspettu comu tutti quanti u corpu di furtuna.

Ca passa e si nni va, ca sugnu ancora cca,
ca forsi semu tutti quanti mmenzu na strata

Facemmuni curaggiu che curaggiuu nn'ammanca,
ammu a mangiari ancora pani e vinu di casa
ca fa vuddiri u sangu e a sa nattra cosa?
Mi vivu nattru litru e abballu ancora lu tiptap

Unni mi mettu sonu e cantu, unni mi mettu sonu.

E arridu, tingiu, abballu, mi mbriacu
e poi fazzu burdellu

Unni mi mettu sonu e cantu, unni mi mettu sonu

E dicu fazzu, pigghiu, mundu e smundu picchì unn’aiu rrizzettu.

Unni mi mettu sonu e cantu unni mi mettu sonu.
Talia cca vucca aperta
picchì sacciu fari tuttu quantu

DOVE MI METTO SUONO

Sono nato in questo mondo pieno pieno di colori 
nell’isola del caldo, nella terra dei meloni 
Io già da piccolo ero lunatico 
pensavo di poter avere tutta la fortuna
Per fare l’astronauta, o il maestro d’orchestra 
per diventare papa o ballerino di tiptap 
Ma altro che tiptap, qui sono solo cazzi amari 
quindi scrivo quello che sento dentro l’anima

Sono quello che sono, però la sai una cosa? 
ovunque vado suono e ballo pure il tiptap
Ovunque vado suono e canto, 
ovunque vado suono e rido, dipingo, ballo, 
mi ubriaco e poi faccio baldoria

Ovunque vado suono e canto, ovunque vado suono

e dico una cosa, la faccio, prendo, monto e smonto 
perché non riesco a stare fermo

Ovunque vado suono e canto, ovunque vado suono

mi guardi sbalordito
perché io so fare tutto

Crescendo mi accorgevo che quel mondo di colori 
è la vita che si mischia con le gioie e i dolori 
e ora che sono grande e sono sempre lunatico 
Aspetto come tutti quanti il colpo di fortuna

Che passa e se ne va e sono ancora qua

e forse siamo tutti quanti in mezzo a una strada

Facciamoci coraggio che il coraggio non ci manca

dobbiamo mangiare ancora pane e vino fatto in casa

che fa bollire il sangue e la sai un'altra cosa?

mi bevo un altro litro e ballo ancora il tiptap
Ovunque vado suono e canto, ovunque vado suono

E rido, dipingo, ballo, mi ubriaco 
e poi faccio baldoria

Ovunque vado suono e canto, ovunque vado suono

E dico una cosa, la faccio, prendo, monto e smonto 
perché non riesco a stare fermo.

Ovunque vado suono e canto, ovunque vado suono

Mi guardi sbalordito 
perché io so fare tutto.

                                                                                                              

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 1784 visitatori e nessun utente online