ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

LA SIRINATA
Paolo Battaglia - canta Alfonso Gagliardo

LA SIRINATA

  

Chitarri e minnulini   anticamente
nta li  vaneddi  ievunu sunannu
carusi e vicchiareddi   
parenti cu l’amici
di li finestri stavunu  affacciati
mazurki , canti e balli  a furieri
Chi festa sutta a luna si faceva
a genti du paisi si eva  arricughennu
co vinu  intra i ciaschi a tinchite’

La sirinata bedda, attacca u minnulinu,    
chi beddi su st’accordi da chitarra
u tambureddu batti u friscalettu sona   
chi festa tutti i notti sempri c’era.
Nto chianu  e ne curtighu, 
cu musica e canzuni  
u friddu facci facci ca tagliava
panuzzu sali e oghiu,  
vinuzzu, sonu e cantu,  
la notti allegramenti si fineva.

Li sirinati non si fanu cchiui,  
e non si senti cchiu lu minnulinu
chi musica cunfusa si senti peri  peri
e nuddu canta cchiu’ sutta i balcuni:
i sunaturi veri abbannunati
si canta e si fa a finta di sunari
chi mala fini fici, u veru snaturi
li sirinati non si fanu cchiui.

La sirinata bedda, attacca u   minnulinu,    
chi beddi su st’accordi da chitarra
u tambureddu batti u friscalettu sona   
chi festa tutti i notti sempri c’era.
Nto chianu  e ne curtighu, 
cu musica e canzuni  
u friddu facci facci ca tagliava
panuzzu sali e oghiu,  
vinuzzu, sonu e cantu,  
la notti allegramenti si fineva.

                                                                                   

LA SERENATA

 

Chitarre e mandolini anticamente
nelle strade suonavano
ragazzi e vecchietti
parenti con gli amici
dalle finestre stavamo affacciati.
mazurke, canti a balli con giravolte
che festa sotto la luna si faceva;
la gente del paese rientrava a casa
con il vino dentro ai fiaschi a volontà.

La serenata bella, attacca il mandolino, 
come son belli questi accordi della chitarra, 
il tamburino batte, il piffero suona 
che festa c’era in tutte le nottate.

Nel piano e nel cortile, 
con musica e canzoni, 
il freddo così forte che tagliava la faccia, 
pane sale e olio,

vinello suono e canto,
la notte si trascorreva allegramente.

Le serenate non si fanno più,
e non si sente più il mandolino;
che musica confusa si sente dappertutto e
nessuno canta più serenate sotto i balconi.
I suonatori veri abbandonati
si canta e si fa finta di cantare;
che brutta fine ha fatto il vero suonatore 
e nessuno canta più serenate
La serenata bella, attacca il mandolino, 
come son belli questi accordi della chitarra, 
il tamburino batte, il piffero suona 
che festa c’era in tutte le nottate.

Nel piano e nel cortile, 
con musica e canzoni, 
il freddo così forte che tagliava la faccia, 
pane sale e olio,

vinello suono e canto,
la notte si trascorreva allegramente.

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 185 visitatori e nessun utente online