16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

U VECCHIU
Vincenzo Zafarana


 

 
U VECCHIU

Rrivau lu tempu ri l'acciacchi e re duluri,
mi talìu ‘nda lu specchiu e mi ni dugnu,
ca vecchiu divintaiu.
Mi ssettu e cumenzu a pinsari:
pensu ri cuannu eru carusu,
mi sintivu forti è vigurusu.
A terra amavu
e ccu rispettu a travagghiavu.
Sutta nu ficu o sutta n'ulivu
aviva li timpi ppi lettu
e mancu li sintiva.
Mi piaciva cantari
e comu nu carannulu vulari.
Spinciva l'occhi ‘nta lu celu
e cu lu cori riciva a Diu:
facisti ogni cosa comu a vuliva iu.
Ra vicchiaia rristaiu scuntentu,
picchi dopu na vita ri travagghiari,
all'urtumu ogni cosa haia lassari.
N'arburu cuantu tempu pò campari?
Iu sugnu lu patruni e mi nnaia iri,
iddu resta ca senza muriri.
E beddu lu pinseri e lu pinsari,
ma prestu macari iddu nna lassari.
E resta sulu nu vecchiu ri spustari,
purtallu ‘nta la tómba a ripusari.
                      
 IL VECCHIO
È arrivato il tempo degli acciacchi e dei dolori,
mi guardo allo specchio e mi accorgo,
che vecchio sono diventato.
Mi siedo e incomincio a pensare:
penso di quando ero ragazzo
mi sentivo forte e vigoroso.
La terra amavo
e con rispetto la lavoravo.
Sotto un fico o sotto un ulivo
avevo le zolle per letto
e non li sentivo.
Mi piaceva cantare
e come un pettirosso volare.
Alzavo gli occhi al cielo
e con il cuore dicevo a Dio:
hai fatto ogni cosa come volevo io.
Dalla vecchiaia sono rimasto scontento,
perché dopo una vita di lavoro,
all'ultimo ogni cosa devo lasciare.
Un albero quando può vivere?
Io sono il padrone e me ne devo andare,
lui resta qua senza morire.
E bello il pensiero e il pensare,
ma presto anche lui ci deve lasciare.
E resta solo un vecchio da spostare,
portarlo alla sua tomba a riposare.
                                                                    

  

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 256 visitatori e nessun utente online