16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

NUN SACCIU NENTI I TIA
sezione poesie
Josè Russotti

 



NUN SACCIU NENTI I TIA
 
‘I to’ occhi mi pàrrunu d’un paisi luntanu,
chi prestu urissi canùsciri,
chi so’ canzuni di ‘na ôta e ‘a mustaddha
ô baccuni a sciucari.
Paisi tristi di vaneddi surarìni
e parummi a filèra subbra ‘i canceddi.
Ndô to’ cori vidu brìsciri notti di sirenziu,
e scumma di lippu subbra ‘i canàri,
unni ‘a vita iàvi ‘u sapuri da sciaurusa terra;
‘unni ‘a genti mori cu ll’occhi avetti,
senza canùsciri amuri.
‘Na ôta ni ‘ncuntrammu pî sbagghiu
sutta ‘a scarunata da chiesa,
davanti ‘na casa chi finestri avetti,
sparancati subbra i mia.
Era un jonnu di festa e di suri anticu,
unni ‘a to’ gioia ‘ncontrau ‘u ma duluri.

Ora, ‘a chiazza mi pari ‘u gnonnu tristi,
unni si parra suru dî motti a Novembri
chi to’ parori chi supranìunu ogni cosa.

Nun sacciu nenti e nenti vogghiu sapìri i tia.
Tu, si’ ffatta di pasta riari, d’incensu e di crita,
‘i to’ occhi sunu furisteri di terri scògniti
‘ncuntrati ‘na ôta ndô scuru di stazzioni,
unni c’era ‘n vacanti di sbarrùu
e amari ripattènzi.
Cetti voti tu mi pari ‘a festa di Sant’Anna,
chi so’ luci facciòri e fètu di sudura ristagnata,
ca so’ miseria e ‘a finta cuntintizza
di ‘na giostra chi furrìa.
E si ti chiudissi ‘a potta ndâ facci, tu chi facissi?
Fussi commu ‘i to’ occhi
nun m’avissìru mai tariatu,
o non m’avissiru mai ‘ncuntratu?

Scrusciu di passi persi intra ‘a notti…
Di ‘nvennu ‘i stanzi dill’amuri sunu chiusi fitti,
mentri l’acqua dû ceru lava ‘u sacratu dû cunventu
e bagna ‘u to’ pettu di latti geffu di limuni sprimutu
e viddi niputedda mai cugghiuta.                                                                                                                                                                                                                                                                 
NON SO NULLA DI TE
I tuoi occhi mi parlano di un paese lontano,
che presto vorrei conoscere,
con le sue canzoni di una volta e la mostarda
al balcone ad asciugare.
Paese malinconico di stradine solitarie
e colombe in fila sui cancelli.

Nel tuo cuore vedo spuntare notti di silenzio,
e schiuma di muschio sulle tegole,
dove la vita ha il sapore dell’odorosa terra;  
dove la gente muore con gli occhi aperti,
senza conoscere amore.
Una volta ci incontrammo per sbaglio
sotto la scalinata della chiesa,
davanti a una casa con le finestre aperte,
spalancate su di me.
Era un giorno di festa e di sole antico,
dove la tua gioia ha incontrato il mio dolore.

Ora la piazza mi pare un giorno malinconico,
dove si parlano solo dei morti a Novembre,  
con le tue parole che sovrastano ogni cosa.

Non so nulla di te e nulla voglio saperne.
Tu, sei fatta di pasta reale, d’incenso e di creta.
I tuoi occhi sono forestieri di terre inospitali incontrati una volta nel buio delle stazioni,
dove c’era un vuoto di patimenti
e amare ripartenze.  
Certe volte tu mi pari la festa di Sant’Anna,
con le sue luci menzognere e il fetore di sudore ristagnato, con la sua miseria e la finta allegria di una giostra che gira.
E se ti chiudessi la porta in faccia, tu che faresti?
È come se i tuoi occhi
non mi avessero mai guardato,
o non mi avessero mai incontrato.

Rumori di passi smarriti dentro la notte…

D’inverno le stanze dell’amore sono ben serrate, mentre l’acqua dal cielo lava il sagrato del convento
e bagna il tuo petto di latte acerbo di limone spremuto e verde nipitella mai raccolta.                                                                                                                                                                        


 

 

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 253 visitatori e nessun utente online