16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

LU CARRETTU DI LA VITA
Gaetano Petralia
legge: Nicolò La Perna

 

LU CARRETTU PI LA VITA

Mi veni ogni chiornu cchiu' pisanti
tirari lu carrettu di la vita,
sentu d'attornu lastimi ogni istanti
ca m'allargunu ancora la ferita.

Pi mia non c'è 'nè oggi e 'nè dumani,
ccu lu siddumi a la carina dura,
fazzu la vita mia comu lu cani
di comu agghiorna fino a quannu scura.

La me' tistera china di pinzeri, 
la primavera non la fa' ciuriri,
pari ca vaju avanti, e vaju arreri.
E non finisci mai lu me' suffriri.

E tiru, tiru, tiru lu carrettu
e sentu chiù pisari lu siddumi,
fino a quannu lu cori 'ntra lu pettu
duna a la vita l’urtimu assaccuni.

 
                 

IL CARRETTO DELLA VITA

Mi viene ogni giorno assai pesante 
tirare il carretto della vita, 
sento d'attorno mugugni ogni istante 
che m'allargano di più la mia ferita.

Per me non c'è ne oggi, e ne domani, 
lottando le intemperie della vita 
passo le giornate come fossi un cane 
dall'alba fino al calare della sera.

La mia testiera satura di pensieri 
la primavera non fa rifiorire, 
pare che vado avanti e vado indietro 
e non finisce mai il mio soffrire.

E tiro, tiro, tiro il mio carretto 
sento la vita che si fa più dura 
fino a quanto il cuore dentro il petto 
da l'ultimo sussulto della vita. 

              


 

 

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 123 visitatori e nessun utente online