16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

Sezione Poesie

TRISTIZZA A MARI

Felice Tudisco

 

 

TRISTIZZA A MARI

Li neuli eranu vasci supra li muntagni
lu cielu addivintava sempri chiu niuru.
Na palummeddra scantata vasciu volava
e mentri d’accusi si sentiva in luntananza
un chiantu di cristiani.
A mari n’a varca affunno’
e cu iddra tanti addrevi e fimmini si purtò.
Lu chiantu di li matri era forti
purtatu da lu ventu assassinu.
Ma picchi st'omini disgraziati
ficiru svirsari a mari sti poveri mischini?
Li muntagni gridavanu di duluri
pi sti disgraziati.

Lu ventu tradituri schiuffiava

e un si vosi carmari
si vidivanu in luntananza atri varchi a mari .
Lu distinu crudeli vozi
ca nuddu sti poveri cristiani potti sbarcari
e si ni calaru tutti ni lu funnu di lu mari
cu li loru spiranzi e li loru illusioni.


La timpesta, cu tutta la so raggia, passò
e iu niscivu a taliari.
'Un si sarvo’ nuddru di ddri cristiani
e tanta genti morta calliggiava
'n capu all'ondi a panza all’aria,
mentri li picciliddri cu l’occhi sbarrachiati
taliavanu sta costa sicula
comu terra di spiranza.
Terra di amarezza e terra di cuntitizza
pi natri siciliani, ma terra di odiu
e di sangu pi sti morti annegati.                                                                     

                                                           

TRISTEZZA SUL MARE

Le nuvole erano basse sopra le montagne
e il cielo diventava sempre più nero.
Una piccola colomba impaurita volava
e nello stesso tempo in lontananza
della gente si sentiva piangere.
In mare era affondata una barca
e con lei tante donne e bambini.
Il pianto delle madri, portato dal vento assassino, era forte.
Ma perché questi uomini cattivi
avevano gettato in mare questa povera gente?
Le montagne gridavano il proprio dolore
per questi disgraziati.

Il vento traditore soffiava

e non si calmava,
mentre in lontananza si vedevano altre barche
sul mare.
L'avverso destino volle
che nessuno di loro potesse sbarcare 
e andarono tutti a fondo 
con le loro speranze e le loro illusioni. 

La tempesta, con la sua forza crudele, passò
ed io uscii a vedere.
Nessuno di loro si salvò
e una marea di morti galleggiava
sulle onde a pancia all'aria
mentre i bambini, con gli occhi sbarrati,
guardano la costa siciliana 
come terra di speranza.
Terra amara e terra di gioia 
per noi siciliani, ma terra d'odio 
e di sangue per tutti questi morti annegati.                                                   

                                                       

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 56 visitatori e nessun utente online