16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

Sezione Poesie

SANTA VENNIRA

Salvatore Coffa

 

 

 SANTA VENNIRA
(OMAGGIO A SANTA PATTRUNA)

Nun c'è 'mpegnu, né scusanti
e mancu dubhiu "nta testa.
avissi a carriri u munnu,
a lugliu. a Raula c'e festa.

Si fa festa a la Pattruna
vinirata e virginedda,
marturiata finu a morti,
spusa a Ddiu nnicaredda.

Iappi Vennira pi nnomu,
e macari Vinniranna,
nasciu 'nSicilia, a Acirriali
e fu ra fedi capobanda.

Ri picciridda priricaia,
nmenzu a genti si muvia,
pi purtari la parola
ri lu nostru Ddiu Missia.

'Ntornu circa l'annu centu,
ri l'avventu ro Signuri,
misi peri 'nta lu munnu
sta' riggina ri l'Amuri.

A li genti ri la Gallia
e ri l'Italia miridiunali,
Magna Grecia e ri Sicilia,
porta amuri senza uguali.

E pi chistu, com'è r'usu,
fu re' putenti marturiata
cu risfìzii, finu a morti,
ma ri l'umili genti amata.

Antoniu, Calibru Prifettu,
cu sivizii e cu turtura,
Ddiu ci vulia fari niari,
ma Vennira nun spirgiura.

Altrittantu fici Tèmiu,
ri la Magna Grecia tirannu,
però macari lu so' fari
nun purtau a Vennira dannu.

Ma u mali, c'appustaia,
tantu fici ca' culpiu,
e, pocu dopu quarantanni,
decapitata, ivu a Ddiu.

C’è cu rici ni la Gallia,
cu guarisci vista e pettu,
o macari, cà. ‘nSicilia.
trova a morti pi’ dispettu.

L'abbitanti re paisi.
e ri Raula, 'mparticulari,
la pigghiaru pi' vardiana
senza sordi mai pajiari.

A tistarda divuzioni,
versu li pirsuni affisi,
si riscontra già re tempi
ri Raula Veccia, pe' difisi.

Ogni annu, o misi i lugliu,
cu sunati ri la banda,
si ricorda lu martiriu
ri la nostra cara Santa.

L'ultima ruminica ro misi,
tutti a Santuzza appressu:
Sinnicu, assissuri, parrini,
genti di vota e "maluversu".

E' accussì ca u Simulacru
ri la Vergini gira i strati,
c'abbunnanza ri campani,
bummi e fochi artificiali.

Tutt'a genti è attenta
ne' prighieri ricitari,
sannu stari puru i nnichi
ca li carni fanu arrizzari.

Ni' stu' seguitu cumpostu,
ni' stu' snodu ri pirsuni,
c'è cu 'nvoca la Santuzza
e cu prejia a "mucciuni".

Mentri e lati ro curteu,
bancarelli e vinnituri,
priparunu tanti cosi fini
cu duvizia e cu primuri.

Macari emigranti e furisteri,
tutta genti ca è luntanu,
vonu essiri prisenti
pi pigghiarisi pa' manu.

E assemi, cu ‘na vuci,
'ntornu a Statua, a so' fiura:
"Viva viva Santa Vennira"
ricunu forti cu primura.

Fari chistu, e macari ciù,
po' splinduri ri la Santa,
ogni annu è tradizioni
r’Aulisi, e ci si vanta.

Hanu rrettu a Parroccia,
se u rivordu “n'è cunfusu,
patri Carpinu, Furtuna
e ron Giuvanni Carusu.

Poi è r'obblicu citari,
ro' Vignali, Lucietta Caldarella,
ca' ra Santa è sempri stata
'na seguaci, a so' ancella.

Nun c'è 'mpegnu, né scusanti
e mancu dubbiu 'nta testa,
avissi a carriri u munnu,
a lugliu, a Raula, c'è festa                                                              

SANTA VENERA
(OMAGGIO ALLA SANTA PATRONA)

Non c'è impegno, né scusanti
e nemmeno dubbio in testa,
dovesse cascare il mondo,
a luglio, ad Avola, c'è festa.

Si fa festa alla Patrona
venerata e verginella,
martoriata fino alla morte,
sposa di Dio da zitella.

Ebbe Venera per nome,
e pure Veneranda,
nacque in Sicilia, ad Acireale
e fu della fede capobanda.

Da bambina predicava,
alla gente indicava la via,
per portare la parola
del nostro Dio Messia.

Intorno circa all'anno cento,
dall'avvento del Signore,
entrò a far parte del mondo
questa regina dell'Amore.

Alle genti della Gallia
e dell'Italia meridionale,
Magna Grecia e di Sicilia,
porta amore senza eguale.

E per questo, com’e usanza,
fu dai potenti martoriata
con tormenti fino alla morte,
ma dall'umile gente amata.

Antonio, Calabro Prefetto,
con sevizie e con tortura,
Dio le voleva far rinnegare,
ma Venera non spergiura.

Altrettanto fece Tèmio,
della Magna Grecia tiranno,
però pure il suo fare
non arrecò a Venera danno.

Ma il male, che la puntava,
tanto fece cha la colpì,
e, poco dopo quarant'anni,
decapitata, lei perì.

C'è chi dice nella Gallia,
colei che guarisce vista e petto,
o magari, qua, in Sicilia,
trova la morte per dispetto.

Gli abitanti dei paesi,
e di Avola, in particolare,
la scelsero come protettrice
senza soldi mai pagare.

La testarda devozione.
verso le deboli persone.
si riscontra già dai tempi
di Avola Antica, di Aquilone.

Ogni anno, il mese di luglio,
con suonate della banda,
si ricorda il martirio
della nostra cara Santa.

L'ultima domenica del mese
tutti alla Santuzza appresso:
Sindaco, assessori, preti,
gente devota e "maloverso".

E' così che il Simulacro
della Vergine gira per i viali,
con scampanio di campane,
bombe e fuochi artificiali.

Tutta la gente è attenta
nelle preghiere recitare,
anche i più piccoli
che le carni fanno rizzare.

In questo corteo composto,
in questo lungo serpentone.
c'è chi invoca la Santuzza
e chi prega nel suo cuore

Mentre ai lati del corteo
del con bancarelle e venditori
preparano tante prelibate
con dovizia e con premura

Pure emigrami e forestieri
tutta gente che è lontana
vogliono essere presenti
per prendersi per mano

E insieme con una voce
intorno alla Statua, della sua figura:
Viva viva Santa Venera
dicono forte con premura

Fare questo e magari di più
per lo splendore della Santa
ogni anno è tradizione
degli Avolesi e ci si vanta

Hanno retto la Parrocchia,
se il ricordo non è confuso,
padre Carpino, Fortuna
e don Giovanni Caruso.

Poi è d'obbligo citare,
del Vignale, Lucietta Caldarella,
che della Santa è sempre stata
una seguace, la sua ancella.

Non c'è impegno, né scusanti
e nemmeno dubbio in testa,
dovesse cascare il mondo,
a luglio, ad Avola, c'è festa.                                                          

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 477 visitatori e nessun utente online