16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

Sezione Poesie

DISIU
Francesca Vitello

 

DISIU


Lustrura di luna, trapuntìu di stiddi,
notti...
Juculìanu cu li rami, l'aranci allucintati
e dilizzìanu lu sonnu di l'alluduli aggiuccati.
Sutta 'u mantu di lu celu,
cu 'a finestra a vanidduzza,
già si dormi ni 'ddà casuzza...

ni 'ddà casuzza tribbuliàta,
unni a vita è ammiscata:
disii, spranzi, prumissi minzugneri
e sonni fatati di nicuzzi
senza pinzeri...
Ma Idda 'un dormi, 'un dormi Idda,
camina tra li giranii pi la so via
e senti ca 'a luna la carizzìa...

Lu mari la chiama,
la chiama cu la vuci di lu ventu
e lu ventu di lu mari,
ni 'ddà notti di purtentu,
porta a Idda, senz'aspittata,
'n'ambasciata disiata:

'dda, ni la magica chiaria,
na varcuzza l 'aspittava
e lu mari, ca spicchìa,
cu 'a so onda l'annacava.
Mentri 'a luna mariola,
'nzutta, 'nzutta 'cci arridia,
ni lu focu di l'Amuri,
Idda, oramai, già, cridia...
Ni l’Amuri… ni dd’Amuri ca ora,
cu l’occhi di lu cori taliava,
cu la vuci du l’arma ci mparlava
e cu du mani di villutu la carizziava.


Ma… po…Idda…s’aggiviglià…
e, sutta lu lettu di la socasuzza,
dilusa e sula, s’arritruvà!


‘A luna, ora,
di lu Munnu si cunciudava
e, ‘a primastidda di l’arba,
ni lu celu spuntava                                                                                                                                                            

DESIDERIO

Chiaro di luna, trapuntìo di stelle,
notte...
giocherellano con i rami, gli aranci argentati
e deliziano il sonno di allodole cullate.
Sotto il manto blu del cielo,
con la finestra semi aperta,
già, si dorme in quella casetta,

in quella casetta tribolata
dove la vita è variegata:
desideri, speranze, promesse con menzogne, tutte, intrecciate e, sogni innocenti
di rose e di fate.
Ma Lei non dorme, non dorme Lei,
cammina tra i gerani per la sua via
e sente, della luna, la compagnia.

Il mare la chiama,
la chiama con la voce del vento
e il vento del mare,
in quella notte di portento,
porta a Lei, inaspettata,
un'ambasciata desiata:

là, sotto un magico chiarore,
una barchetta l'aspettava
e lo sciabordio del mare,
poi, con l'onda la cullava...
Mentre la luna mariola,
sotto sotto, sorrideva Lei,
nel fuoco dell'amore,
fiduciosa, già credeva..,
dell'amore... di quell'amore che ora,
con gli occhi del cuore la guardava,
con la voce dell'anima le parlava
e, con due mani di velluto l'accarezzava.

Ma... poi... Lei... si svegliò
e, sotto il tetto del focolare suo,
delusa e sola, si ritrovò...

La luna ora,
dal Mondo, si congedava
e la "Prima stella dell'alba"
su, nel ciclo, già, spuntava.                                                                                                                                                

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 207 visitatori e nessun utente online