GTranslate

Chi è online

Abbiamo 147 visitatori e nessun utente online

 

 16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

A BURNIA
4° classificata sezione canzoni
autori:  Maria Russell - Mel Vizzi

 

A BURNIA
Portu sempri dintra a mia a Sicilia originali,
comu fussi na burnia di cunserva eccezzionali.
Mentri vaiu a la campia pi li strati ammudirnati,
sulu si grapu la burnia c’è Sicilia, strati strati.
Troppu spessu mi siddia e misteri ca haiu fattu,
ca si grapu la burnia chista vita unn’avi senzu,
Ma chi c’è ni sta burnia? c’è u passatu cunsirvatu,
u vanniaturi ca vannia tuttu chiddu ca ci ha statu.

E vannia ‘ntra la via unni u tempu si firmò,
mancu grapu ssa burnia e semu già a cent’anni fa.
Senza machini pa via, ma carretti scecchi e muli
nichi e granni in cumpagnia, mancu i vecchi ci su suli.
Cu li seggi avanzi e porti arripezzanu cantannu
ni stu munnu un si jetta nenti, si ricupera lu dannu.
E i picciliddi spinsirati currunu fora di li strati
e lu suli a tutti abbrazza, pari festa ‘nmezzu a chiazza.
Troppu spessu mi siddia e misteri ca haiu fattu,
ca si grapu la burnia chista vita unn’avi senzu,
Ma chi c’è ni sta burnia? c’è u passatu cunsirvatu,
u vanniaturi ca vannia tuttu chiddu ca ci ha statu.
Troppu spessu mi siddia e misteri ca haiu fattu,
ca si grapu la burnia chista vita unn’avi senzu,

Ma unn’è ddu munnu senza pinzeri
                                                    
                                                                      
IL BARATTOLO (di vetro o ceramica per le conserve)

Porto sempre dentro di me la Sicilia originale,

come fosse un barattolo di conserva eccezionale.
Mentre vado in campagna per le strade ammodernate,
solo se apro il barattolo c’è la Sicilia per le strade.
Troppo spesso mi secca per i misteri che ho fatto,
perché se apro il barattolo questa vita non ha senso.
Ma cosa c’è nel barattolo? c’è il passato conservato,
il commerciante che grida la sua mercanzia,
tutto quello che è successo.
E grida la sua mercanzia nella via, dove il tempo si è fermato,
nemmeno apro il barattolo e siano già cent’anni fa.
Senza macchine per la via, ma carretti, asini e muli
piccoli e grandi in compagnia nemmeno i vecchi sono soli.
Con le sedie davanti alle porte cuciono toppe cantando,
in questo mondo non si getta niente si recupera il danno.
E i bambini spensierati corrono fuori, in mezzo alle strade
ed il sole tutti abbraccia, sembra festa in mezzo alla piazza.
Troppo spesso mi secca per i mestieri che ho fatto,
perché se apro il barattolo questa vita non ha senso,
Ma cosa c’è nel barattolo? c’è il passato conservato,
il commerciante che grida la sua mercanzia,
tutto quello che è successo.

Troppo spesso mi secca per i mesteri che ho fatto,
perché se apro il barattolo questa vita non ha senso,

Ma dov’è quel mondo senza pensieri.