16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

Sezione Poesie

AUSTINU U PUPAZZU
Salvatore Nogara

 

 

AUSTÌNU Ù PUPAZZU

 

 

Figliu aspittàtu, fìgliu disiàtu,
sciùri sapurìtu e prufumàtu;
criscisti n’paci n'mezzu st'aggènti,
com'agniddruzzu, arma nnuccènti.

 

Na mamma e un patri cini d'affettu,
dudici figli sutta stù tettu.
A matri a casa, ù patri a piscàrì,
ca nott'è jornu è jittatu a mari.

 

Ciangia a to matri nù matarazzu,
e tutti i siri vagna ù ciumazzu.
Passaru i jorna, i misi e l'anni,
e Austìnu si ficia ranni.

 

Tuttu era scrittu, un si pò niàri,
di stu distìnu un si pò scappari,
studiari vulivi di duttùri,
ma ppi ttìa foru guai e svintùri.

 

Curra, ora, curra che para un pazzu,
era Austìnu, ora è Pupazzu.
Lestu và, chi scarpi spurtusàti,
lestu iddru và, chi causi spardati.

 

Com'un servu vinnùtu o patruni,
fu cunnannatu a fari ù jarzuni.
Nott'è jornu trattatu di cani,
tuttu chissu p'un pezzu di pani.

 

Pupazzu n'manu e genti putenti,
latruni, assassini e dilinquenti.
A pajari ddebbiti, luci e tassi,
su pinzèri che parunu massi.

 

Pupazzu di cira, di lignu o di ferru,
sbattuta n'terra, n'mezzu stu sterru.
Robba c'on cunta, senza valuri,
sulu, ni sta terra di dulùri.

 

Pupazzu nudu, ruttu e spardatu,
un mali jornu cadistì malàtu;
finisti sùlu, comu n'armali,
dintra na stanza di stù spitàli.

 

Senza né dirlu né farlu vidìri,
t'arrubbaru vita, gioia e avviniri.
N'capu a stu lettu. com'agniddruzzu,
ora un t'arresta che ù Signurùzzu.                           

AGOSTINO IL PUPAZZO


Figlio atteso, figlio desiderato,
fiore grazioso e profumato;
sei cresciuto serenamente in mezzo a questa gente,
come agnellino, anima innocente.

Una mamma e un padre pieni d'affetto,
dodici figli sotto questo tetto.
La madre in casa, il padre a pescare,
che notte e giorno languisce in mare.

Piange tua madre sul materasso,
e tutte le sere bagna il cuscino.
Passarono i giorni, i mesi e gli anni,
e Agostino si fece grande.

Tutto era scritto, non si può negare,
da questo destino non si può scappare,
volevi studiare da medico,
ma per te furono guai e sventure.

Corre, ora, corre che sembra un pazzo,
era Agostino, ora è Pupazzo.
Lesto va, con le scarpe bucate,
lesto egli va, coi pantaloni consunti.

Come un servo venduto al padrone,
fu condannato a fare il manovale.
Notte e giorno trattato da cane,
tutto questo per un pezzo di pane.

Pupazzo in mano a gente potente,
ladroni, assassini e delinquenti.
A pagare debiti, elettricità e tasse,
son pensieri che sembrano macigni.

Pupazzo di cera, di legno o di ferro,
sbattuto a terra, in mezzo a questa polvere.
Roba che non conta, senza valore,
solo, in questa terra di dolore.

Pupazzo nudo, rotto e consumato,
un brutto giorno ti ammalasti;
sei finito solo, come un animale,
dentro una stanza di quest'ospedale.

Senza né dirlo né farlo vedere,
ti hanno rubato vita, gioia e avvenire.
Sopra questo letto, come agnellino,
oramai non ti resta che il Signore.

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 242 visitatori e nessun utente online