GTranslate

Chi è online

Abbiamo 28 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIA

 

LU GIUDICI PICCIRIDDU
ROSARIA CARBONE

 

 


LU GIUDICI PICCIRIDDU

Un muccuni di suli aviva appena spuntatu:

ogni chiazza di paisi, pianu pianu s'allinchi

di vuci, di lamienti, di scacchini e di pinsera.

Jmmati, i pinsiunati passanu la matinata:
a scupa, a trissetti o appinnicati.

Eppuri, sciusciuliava aria pisanti sa matina
e l'ossa pungivanu comu spini.

Na vuci rutta e pisanti grida e cunta di sangu
ca scurri comu un sciumi ca passa la china:
" Ammazzaru lu giudici picciriddu, Rosariu Livatinu,

ppi lu straluni di Girgenti l'ancucciaru.
Sulu era, supra la so machinicedda, a masticari pinsera.
Di tiempu l'avivanu puntatu...
ma nuddu si n'aviva addunatu
Nuda la terra ni cugghìu l'urtimi so passi ruzzulati do pinninu:

Sparanu...su 1'onuri di la patria

Sputanu ..sulla matri terra scarpinata

Sparanu....e  Cainu arridi cunsacratu!

Comu n'agnidduzzu alla morti cantata...
Livatinu si prisìntò."
E' na guerra senza fini, un duluri surdu e senza paci.

Erba malefica 'ntrizzata ca sicca

e rinasci con sciusciuni di vientu.

Figghiu unicu, tinutu comun nu Bamminu,

vuliva scippari lu siccagnu

a sta terra 'nacata do mari e vasata do suli callu e chinu.

Lu lamientu linchìu li chiazzi e la gutta trasiu p'ogni casa,

vanedda , porta e curtigghiu

lu duluri straviani a ccu cridiva ni la libertà e nill'onestà:

"Arrubbaru la vita di nu nuccenti

pinchi vuliva scippari la gramigna ca un voli siccarì

e lu sarbaggiu ca si voli 'ntrizzari.

Arrubbaru la vita di nu nuccenti

prima ca si facissi ranni e putenti."

Assantumati ristaru l'onesti siciliani

e ccu l'occhi sicchi di chiantu,

comu chiddi di so matri… ancora prijanu

Speranu, ca di sta terra siccagna pozzanu nascirì,

atri centu giudici picciriddi

capaci d'ascippari la gramigna mienzu a lu siminatu

e renniri vivi e lucenti li spichi

ca comu cuocci di luci svampati cantanu contru vientu:

S'avasciunu e si susunu

si susunu e s'avascianu

"Susiti spica ca passò la china!"

Na prijera è stu murmuriu di mari

unna a ginestra scinni radici funnuti

intrizzati comu l'agghiu ca penni suttatettu d'ogni via.

Ancora grida e spera di aviri giudici picciriddi

onesti e forti comu a Tia !!!

IL GIUDICE RAGAZZINO

Uno spicchio di sole era appena spuntato:

ogni piazza di paese pian piano si riempie

di voci, lamenti/di risate e di pensieri

Curvi, i pensionati passano la mattinata:

a scopa, a tressette o appisolati

eppure, soffiava area pesante quella mattina

e le ossa pungevano come spine

una voce rotta e grave gridava

e raccontava di aver visto sangue che scorreva

come un fiume dove passa la piena:

“Hanno ucciso il giudice ragazzino, Rosario Livatino,

per la strada di Agrigento lo hanno freddato

Era solo, sopra la sua macchina, a rimuginare pensieri

Da molto tempo l’avevano preso di mira…

ma nessuno se n’era accorto

Nuda la terra coglie i suoi ultimi passi ruzzolati in un pendio

Sparano…sull’onore della patria

Sputano…sulla madre terra calpestata

Sparano…e Caino ride consacrato

Come un agnellino alla morte preannunziata…

Livatino si è presentato

E’ una guerra senza fine, un dolore sordo e senza pace

Erba malefica intrecciata che muore

e rinasce con un semplice soffio di vento

Figlio unico, adorato come il Bambinello,

voleva estirpare quella mala erba resistente

a questa terra cullata dal mare

e baciata da un sole caldo e pieno

Il lamento riempì le piazze

e l’angoscia entrò in ogni casa, strada, porta e vicolo

Il dolore gettò nello sconforto

chi credeva nella libertà e nell’onestà

“Hanno rubato la vita ad un innocente

perché voleva estirpare la gramigna che non vuole seccare

e il maligno che vuole intrecciarsi

Hanno rubato la vita di un innocente

prima che diventasse grande e potente”

Attoniti rimasero gli onesti siciliani

che con gli occhi secchi di pianto,

come quelli di sua madre…ancora pregano

sperano che in questa terra arida possano nascere

altri cento giudici ragazzini

capaci di estirpare la gramigna

in mezzo al seminato e rendere vivi e lucenti le spighe

che come gemme di luce intensa cantano contro vento

s’abbassano e si rialzano/si rialzano e si abbassano

”Alzati spiga che la piena è già passata”

una preghiera è questo mormorio di mare

dove la ginestra getta le sue radici profonde

intrecciate come l’aglio che pende sotto i tetti d’ogni via

ancora grida e spera di poter avere giudici ragazzini

onesti e forti come lo sei stato tu!!!