LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2009- 2010
Presidente Prof.ssa FRANCA CARRUBBA

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 9° EDIZIONE
seconda serata dedicata a Rosa Balistreri

 

ERA CCHIU' DUCI L'ARRIPOSU
Liliana Arrigo

ERA CCHIU' DUCI L'ARRIPOSU

Fimmina di na vota
tuppu e luttu strittu,
jianchi larghi comu lu mari
e un nutricu da capu d'addrattari.
Fimmina di na vota
a catinazzu chiusu
lu chiddiri,
cuntati li paroli
murmuriati adasciu, adasciu.
'Ntraffìcati manu massari,
jorna e simani
a lavari e stricari,
cerniri e 'mpastari
sempri accussì
sempri accussì...
nun finia ma lu chiffari
ed era cchiù duci l'arriposu.
Abbirsata fimmina,
rriggina, ancilu e patruna,
unn'iddra a lu so postu,
onestamenti,
rrispittusa, sapia stari.
Cu quanta divuzioni iddra prigava,
occhi calati senza 'mmizzigghi,
a tu pi ttù lu Signuruzzu rringrazziava
ntunannu rusarii e orazzioni santi.
Eppò scialarisi cu preu
iocura e nnimiragghi a 'nzirtari
e di li cummari li cunti spijari.
E certi siri a lu sirenu
friscalettu e marranzanu
tinivanu sonu,
sarbannu furniscji lu nnumani.
Di nenti la fimmina s'addubbava
lu so munnu arritiratu
nta na stizza di curtigghiu,
ma era cchiù duci l'arriposu.

ERA PIU' DOLCE IL RIPOSO

Donna di un tempo lontano
crocchia e lutto stretto
fianchi larghi come il mare
e un lattante di nuovo d'allattare.
Donna di un tempo lontano
a catenaccio chiuso
il (da) dire,
contate le parole
mormorate piano, piano.
Mani operose affaccendate
giorni e settimane
a lavare e strofinare,
setacciare e impastare
sempre così,
sempre così...
non finiva mai il da fare
ed era più dolce il riposo
Solerte donna,
regina, angelo e padrona,
e lei al suo posto,
onestamente,
rispettosa, sapeva stare.
Con quanta devozione pregava,
occhi bassi senza vezzi,
a tu per tu il Signore ringraziava
intonando rosari e sante orazioni
E poi con gioia si divertiva
a risolvere giochi e indovinelli
e delle comari chiedere racconti.
E certe sere col bel tempo
scacciapensieri e zufoli
suonavano,
serbando affanni l'indomani.
Di poco s'accontentava la donna
il suo mondo ritirato
in una goccia di cortile,
ma era più dolce il riposo.

 

note sulla poetessa: Liliana Arrigo
impiegata, madre di due splendidi ragazzi, abita a d Agrigento dove coltiva la sua passione per la poesia che l'ha vista emergere in vari concorsi in Sicilia, (Alessio Di Giovanni a Raffadali , Kalura a Cefalù Favara, Ignazio Buttitta a Sciacca; a Licata secondo posto nel 5° Memorial Balistreri: ottimi piazzamenti anche fuori della Sicilia: a Roma, a Cagliari.

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 141 visitatori e nessun utente online