LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2015-2016  
Presidente: Nicolò La Perna

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 15° edizione
OMAGGIO A ROSA BALISTRERI

MI VOTU E MI RIVOTU
canto tradizionale siciliano
canta: Maria Russell

 

 

MI VOTU E MI RIVOTU

Mi votu e mi rivotu suspirannu
passu li notti ‘nteri senza sonnu.
E li biddizzi tò iu cuntimplannu
li passu di la notti ‘nsinu a jornu.
Pi tia nun pozzu ora
cchiù durmìri
paci nun havi cchiù
st’afflittu cori.
Lu sai quannu ca iu
t’haiu a lassari:
quannu la vita mia
finisci e mori.
Palumma ca camini mari mari
ferma, quantu ti dicu du paroli
quannu ti pinnu na pinna di st'ali
quantu fazzu na littra
a lu me amuri;
li littri ti li mannu a tri a dui
risposta ca di tia nun haiu mai.
O chi si persi la carta pi vui
o puramenti scriviri nun sai
Mi votu e mi rivotu suspirannu
passu li notti ‘nteri senza sonnu.                                                                                                                                                              

MI GIRO E MI RIGIRO

Mi giro e mi rigiro (1) sospirando
passo le notti intere senza sonno.
E contemplando le tue bellezze
le ripenso nella notte
fino a quando fa giorno.
Per te ora non posso più dormire
pace non ha più
questo afflitto cuore.
Tu lo sai quando
dovrò lasciarti:
quando la vita mia
finisce e muore.
Colomba che cammini per mare
fermati, quanto ti dico due parole
quando ti spenno una penna dalle ali, per scrivere una lettera al mio amore;
le lettere te li ionvio a tre e a due
risposta che da te non ho mai.
O forse che si è persa la lettera per voi, oppure scrivere tu npon sai. Mi giro e mi rigiro sospirando passo le notti intere senza sonno

1) dentro il letto



Il canto “Mi votu e mi rivotu” è la canzone più ascoltata del repertorio di Rosa Balistreri ed è il canto che più viene associato a Rosa Balistreri da molti appassionati di musica popolare siciliana o di altri generi musicali.
Il canto è molto antico, l’autore come in quasi tutti i canti popolari, è sconosciuto.
Rosa Balistreri in un intervista afferma di aver sentito cantare questa canzone per la prima volta dentro il carcere di Palermo, ed ha attribuito ad un carcerato la composizione, in realtà il testo di questa canzone è presente nella raccolta di “Canzoni siciliani” del Frontini.
Salomone Marino Salvatore nel suo libro “Canti popolari siciliani” 1867 riporta la stessa canzone : “Nun dormu né riposu a tia pinsannu / passu li notti interi senza sonnu”. Nei primi del 1900 viene musicato col nome di “Canzone villereccia”.
Nella canzone l’amato spasima per l’amata e trascorre intere notti pensando a Lei, solo la morte potrà dividerli. La musica è dolcissima ed è un inno d’amore che coinvolge totalmente l’amato da fargli perdere sonno e pace. Solo la morte potrà dividerli.
Il verso è un endecasillabo, mentre la musica ha la tonalità di La minore con un tempo di 6/8 caratteristico delle barcarole e ninne nanne.














 
 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 220 visitatori e nessun utente online