GTranslate

Chi è online

Abbiamo 130 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2019-2020  
Presidente: Salvatore La Lumia

19° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
Atrio Badia - 31 agosto - Licata -

 

Canzone: "CHI SUNNU STI LUCI"

- a una poesia di Giuseppe Mallia - musica di Giuseppe Marino

 

                     

 

CHI SUNNU STI LUCI

 

Ci sunnu luci e vuci, ca vennù di li spondi di Russeddu

acqua e ventu, sbattinu li varchi ni li ziti;

luci e vuci, ma quantu ni la notti di sittèmmiru, 

Omini, fimmini e picciliddi ammoddu all’acqua ora siti!

Quantu occhi, chi taliavanu lu turcu galliggiari

e a li voti affunnari e ddocu vuci a dispirari.

Quantu vuci, ca trasivanu no cori di la genti, ca li ivinu a pigghiari,

cu li vrazza riuti, pronti affunnari.  

 

‘Nta menti di la genti ritorna lu turcu,

ca si vinni a piggliari u nostru unuri, disanuratu,

cantava cu la scimitarra manu e vrazza isati

binidicennu tutti i surdati.

Ora cuntamu di li nostri ajuti, pi sta genti di spirduti,

circamu nomi pi sistimari li cruci a chiantari

e mentri taliamu lu mari, capemu ca i genti do munnu,

niuri, gialli o bianchi su tutti uguali.

 

Mischineddu u so sciatàri  un avi paci

disperata a so sorti, un  avi fruntera.

Ajjorna cu nà luci ca si porta tutti li vuci.

U distinu a li voti torna ma un si sapi cu quali luci.   

                                                                                                                                                         
                                                     

 

COSA SONO QUESTE LUCI

 

Ci sono luci e grida che vengono dalle sponde di Capo Rossello

Acqua e vento, sbattono forte le barche sugli scogli.

Luci e grida, ma quante grida in quella notte di settembre,

Uomini, donne e bambini in mezzo al mare ora siete!

Quanti occhi, che guardavano il turco galleggiare

e a volte affondare e grida a disperare.

Quante grida, Che entravano nel cuore della gente, che li andavano a prendere,

con le braccia alzate, pronti ad affondare.

     Nella mente della gente ritorna il turco,

che è venuto a prendersi il nostro onore, disonorato,

cantava con la scimitarra in mano e le braccia alzate

benedicendo tutti i soldati.

Ora contiamo sui nostri aiuti, per questa gente di sperduti,

cerchiamo nomi per sistemare le croci che dobbiamo piantare,

e mentre guardiamo il mare, capiamo che la gente del mondo

neri, gialli o bianchi sono tutti uguali.

   Poverino il suo respirare non ha pace,

disperata la sua sorte, non ha frontiere.

Fa giorno con una luce che si porta tutte le voci.

Il destino avvolte torna ma non sa con quali luci.