GTranslate

Chi è online

Abbiamo 97 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

MAMMA LA ME PUISIA
Gioacchino Florio

 

Nota dell’autore:GIOVANNI DEL FIORE,

Detto "Marcellino" (con allusioni alla sua natalità) Condizionò la sua vita e sperperò ogni suo possedimento per la ricerca di sua madre che non aveva mai conosciuto.
Giovanni è deceduto all'età di 69 anni. Venne rinvenuto morto in una baita di campagna mentre stringeva ancora nella sua mano un documento attestante la sua adozione.

 

MAMMA,  LA ME PUISIA

Ti vogliu diri mamma

chiddu che sentu d'intra lu me cori.

Ti vogliu parlari di li me pinseri,

quannu sugnu sulu e malinconicu

dugnu sfogu a la me fantasia:

"iu parlu, chianciu e ridu sulu, sulu

pirchì mi pari di essiri c'cu tia.

Quannu nun parlu,

quannu nun dicu nenti

è pirchì ascutu arrivari na vuci di luntanu

e, aspettu che tu si vicinu a mia

ppi diriti tanti cosi di lu me passatu."

Haiu tantu di cuntariti

di la mia mischina vita.

M'allarga lu cori quannu cu la fantasia

ti vidu vicinu e c'cu la to manu

accarizzi la tistuzza mia,

aspinzirata nun haiu chiù pinseri

nun haiu chiù diluri ni lu cori,

ti taliu e mi manca lu sciatu

o sciancu a tia mi sentu rinatu

e, nun sacciu mancu chiddu che t'addiri.

Lu cori miu ritorna disulatu

quannu alla rialtà fazzu ritornu

mi sentu come se m'avissinu frustatu

e ancora mi taliu tuttu a tornu.

Ti pensu ogni murnentu mammuzza mia,

a sira iu ti vidu che mi sfiori

mi para che mi n'nachi e m'addummisciu

mi sonnu che tu si vicinu a mia

ma quannu mi svegliu poi, tuttu svaniscia

ed è chiù forte la malincunia.

Mamma, nun m'addattasti
e nun mi dasti a minna,

mancu mi facisti la n'fascianna,

mi parturisti e m'affidasti a zia

che mi lassau a rota daBatia.

Mamma, facisti comu fa la tartaruga

che fà l'ovu e u lassa d'intra na buca

se vò scuvari lha fari di sula

e crisce seddu trova a via di fuga.

Mamma, tu forsi nun lu sai

ma, mi dasti tanti cosi

che l'ornu ha bisognu ni sta vita:

"Mi parturisti e mi mittisti o munnu

unnu pozzu fari tutti li me sonni,

unnu pozzu viviri e cantari,

unnu pozzu chiangiri e giuiri,

unnu ogni giornu pozzu puitari"

e ni li puisie elogiu tutte li mamme,

puru li mamme che iu nun canusciu

e n’testa a tutti ci si sempri tu
oh mammuzza mia

che puru se lu me cori è mortu e musciu

duni vita a la me puisia.

                                                                                                                                                                                                                             

MAMMA SEI LA MIA POESIA

Ti voglio dire mamma,

tutto quello che il mio cuore sente.

Ti voglio parlare dei miei pensieri,

vorrei farti partecipe alla mia malinconia.

Quando sono da solo, evoco la tua immagine

e riesco a parlarti,

A volte, piango, avvolte rido senza alcun motivo,

altre volte, non dico niente

e rimango in un ossequioso silenzio

perché riesco ad ascoltare la tua voce che mi

giunge da lontano ed ho la sensazione

che tu mi sei vicino, tanta vicino da osservare

la tua mano accarezzare i miei capelli.

Questa immagine irreale riesce a rianimare il mio cuore, sgombera la mia mente e allontana ogni mio pensiero,

ogni mio dolore all'improvviso svanisce nel nulla.

Il mio cuore è felice e l'emozione è tanta

che mi impedisce di parlare.

Quando questa ingannevole visione mi abbandona

e ritorno alla solita amara realtà,

il mio cuore si reimmerge nel primordiale stagno

della desolazione.

Mi è difficile affrontare la realtà, ammettere

di aver soltanto immaginato.

Mi guardo attorno e

mi avvedo di aver spronato in maniera

esagerata la mia fantasia, di aver falsato un

sogno che mai può essere realtà.

Mamma, ti penso ogni attimo del giorno0,
 la sera mi illudo di vederti mentre mi dondoli

fra le tue braccia ed io mi addormendo

nella speranza di poterti sognare.

Mamma, da bambino non  mi hai allattato,

non ho succhiato i tuoi capezzoli
e non ti sei premurata per farmi il corredino,

mi hai partorito e subito mi hai affidato alla zia
che mi ha lasciato tra i bambini abbandonati

al convento della Badia,

Mamma, hai fatto come fanno le tartarughe,

dopo aver fatto l'uovo lo nascondano

in una buca e dovrà scovare da solo,
nascere e individuare la via verso il mare.

Mamma,  nonostante ciò,
mi hai fatto dono di tante cose:

"Mi hai partorito e mi hai messo al mondo

dove posso fare i miei sogni,

dove posso vìvere e cantare,

dove posso piangere e gioire,

dove ogni giorno posso "poetare"

e nelle mie poesie elogio tutte le mamme,

anche le mamme che non conosco

e in cima a tutti ci sei sempre tu, oh mamma mia !

Anche se il mio cuore è sempre triste e desolato,

sei sempre tu a dare vita alla mia poesia