Stampa
Categoria: 17° Memorial Rosa Balistreri
Visite: 330

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

 

NU CAFE’ SUSPINNUTU
FABIO MESSINA

Introduzione: Quella mattina Mario era in procinto di andarsene, finalmente la sua liberazione da quella malattia che in siciliano chiamiamo "U mali tintu" e io entrai al bar dello Sport ove sovente ci incontravamo e spessissimo trovavo lui già li sempre a dirmi "chi ti sta pigghiannu", cuore grande che aveva sempre con tutti; e io gli accettavo un caffè, qualche volta litigavo con lui per pagarglielo io. Ma quella mattina Mario non c'era e presi il mio caffè e ne pagai due; la proprietaria del bar mi chiese perchè due e io gli risposi: "uno è un caffè sospeso ed è per Mario". dopo qualche ora, a pausa pranzo, tornato a casa mi metto alcuni minuti a scrivere di getto mentre piangevo, perchè Mario se ne stava andando... e nacquero questi versi di NU CAFE' SUSPINNUTU. Questa poesia è anche Mario e attraverso questa lui continua ad essere tra di noi...

 

 

 

 

 

NU CAFE’ SUSPINNUTU

 

Ti vogghiu ancora prisenti caru amicu,

na stu jornu c’a Diu ti ni vai,

ravanti a vita iu mi fazzu nicu,

ca u sinnu c’ha lassatu nun mori mai.

Accussì stamatina ti lassai,

nu cafè suspinnutu già pajatu,

a ttia ca ti sciarriavi agni ghiornu,

ppi pajallu sempri a mia e a tuttu u munnu.

Ora ti acuru bon viaggiu caru miu,

ca u distinu i ognarunu u sapi sulu Diu,

portati ccu tia na stizza i st’amicizzia

e arristurati ro pararisu ca dilizzia.

E ri ddabbana poi tasta cuetu stu cafè,

ca u tempu ora ppi ttia si fa aternu,

astuta u focu ri ssa tinta malatia

e bivi attonna u gran latti maternu.

Ti vogghiu ancora prisenti caru amicu,

na stu jornu ca nun finisci mai,

lassani ro to ricordiu u megghiu sucu

e cogghini na stidda unn’è ca sai.                                                                                                                                                                       

UN CAFFE’ SOSPESO

 

Ti voglio ancora presente caro amico,

in questo giorno che a Dio te ne vai,

davanti alla vita io mi faccio piccolo,

che il segno che hai lasciato non muore mai.

Così stamattina ti ho lasciato,

un caffè sospeso già pagato,

a te che litigavi ogni giorno,

per pagarlo sempre a me e a tutto il mondo.

Ora ti auguro buon viaggio caro amico,

che il destino di ognuno lo sa solo Dio,

porta con te una goccia di questa amicizia

e ristorati del paradiso che delizia.

E dall’altra parte poi assaggia con calma questo caffè,
che il tempo ora per te si fa eterno,

spegni il fuoco di quella brutta malattia

e bevi di nuovo il gran latte materno.

Ti voglio ancora presente caro amico,

in questo giorno che non finisce mai,

lasciaci del tuo ricordo il miglior succo

e raccoglici una stella dov’è che sai.