Stampa
Categoria: 14 Memorial Rosa Balistreri
Visite: 448

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

AMURI PAZZU
Rosaria Carbone

 

 


AMURI PAZZU
Rosaria Carbone

 

E mi vasava, mi vasava, mi vasava... 
linghìennumi l'uocchi e u cori d'amuri.
Amuri, amuri...
Amuri sempri cchiù malatu:
na vota na manata, natra vota na pidata.
"...U tò sapurì mi fa scurdari li peni. 
'Nfilu lu to senziu sbirsatu 
intra na cunchìgghia di mari; 
l'abbiu mienzu la so acqua azzola 
quannu tira vientu di tramuntana, 
ppi purtallu luntanu, luntanu. 
Vuogghiu sulu scurdari!"
E mi vasava, mi vasava, mi vasava... 
linghiennumi l'uocchi e u cori d'amuri.
Amuri, amuri.
Amuri semprì cchiù malatu:
na vota du pidati, 
natra vota un pugnu cchiantatu."...Squagghiu, comu na cannila addumata 
sutta i to carizzi. 
Ammiscu li to lacrimi ca ddumannanu pirdunu 
mienzu a la cira sculata; l'abbiu di na valanga 
dunna nuddu i po' mai pigghiari. 
Luntanu, luntanu. Vuogghiu sulu scurdari!"
E mi vasava, mi vasava, mi vasava... 
linghiennumi l'uocchi e u cori d'amuri.Amuri, amuri...
Amuri sempri cchiù malatu:
na vota un pugnu cchiantatu, 
natra vota un cutieddu appizzatu
...e nautru sfirratu, supra la facciuzza da 'nuccenti
ca sava appena ruvigghiatu.

Nun ci sunu cchiù vasati ca tienunu 
né carizzi ca frienunu!
Ora vuogghiu ricurdari! 
E ti cunsignu a la liggi prima ca u suli codda
ppì semprì... e mi porta luntanu, luntanu…
lassannu la ma picciridda 'nmucca o scuru 
di la notti e 'nmanu a li strani...
E ancora ai u curaggiu di dirimi ca era sulu amuri?
Amuri pazzu, amuri malatu, 
stammi luntanu... Luntanu!
Fammi sbocciarì sanu stu cìuriddu
ca mi fici vinciri u friddu di la morti 
ccu lu so ciatu callu:
la so vuci zziccata nill'auricchia
la so vuccuzza bagnata ca mi vasava e mi vasava
sucannumi lu senziu e lu cori.
M'arruvigghiaiu pazza d'amurì! 
L'amuri ranni…
AMURI di MATRI!
                  

AMORE PAZZO

E mi baciava, mi baciava, mi baciava... 
riempiendomi gli occhi e il cuore d'amore 
Amore. amore... 
Amore sempre più malato: 
una volta una manata, un'altra volta una pedata.
Il tuo sapore mi fa scordare le pene.
Conficco la tua mente malata
dentro una conchiglia di mare
la butto dentro la sua acqua azzurognola
quando tira vento dì tramontana,
per portarlo lontano, lontano
Voglio solo dimenticare
E mi baciava, mi baciava, mi baciava...
riempiendomi gli occhi e il cuore d'amore
Amore, amore...
amore sempre più malato:
una volta due pedate, 
un'altra volta un pugno piantato.
Mi sciolgo, come una candela accesa 
sotto le tue carezze
Mescolo le tue lacrime che chiedono perdono
con la cera ancora fluida; le butto in un burrone
dove nessuno li potrà mai prendere
Lontano, lontano. Voglio solo dimenticare!
E mii baciava, mi baciava, mi baciava...
riempiendomi gli occhi eil cuore d'amore
Amore, amore...
amore sempre più malato: 
una volta un pugno piantato, 
un'altra volta un coltello ficcato...
e un altro sferrato, sul viso della piccina
che s'era appena svegliata
Non ci sono più baci che tengono 
né carezze che frenano
Ora voglio ricordare! 
E ti consegno alla legge prima che il sole tramonti
per sempre... portandomi lontano, lontano…
lasciando la mia piccina in balia dei buio 
della notte e nelle mani di gente estranea...
E ancora hai il coraggio di dirmi che era solo amore?
Amore pazzo, amore malato,
stammi lontano... Lontano!
Voglio solo far sbocciare sano questo fiorellino
che mi ha fatto vincere il freddo della morte 
col suo caldo fiato:
la sua voce ficcata nell'orecchio
la sua boccuccia bagnata che mi baciava
e mi baciava succhiandomi la mente e il cuore
Mi svegliai pazza d'amore
L'amore grande...

AMORE DI MADRE!                                                                                            

 

Rosaria Carbone è nata a Butera (CL) il 10/03/ 1965, docente di lettere vive e opera in Riesi.
Spinta da una forte passione per il teatro, giovanissima, ha scritto lavori teatrali in lingua e in vernacolo siciliano: “Pasqualinu cunsuma famigghia”; “La taverna dell’amore”; “Cenerentola 2000”.
Nel 1989 riceve dalla città di Ragalna (CT) il prestigioso diploma di segnalazione “L’aulivu d’oru” per la commedia “Non è mai troppo tardi”;

Ha pubblicato: “TEBURA”, romanzo, casa ed. Il Convivio 2008; ( Premio Cuore di Sicilia, 2002; Premio Salvatore Quasimodo, 2003; Premio Maria Rosso di San Secondo, 2006; Premio “Nocera Poesia”, 2009.)

“MOMENTI DI VITA PAESANA SICILIANA, poesie e “cuntu” in vernacolo tipografia Ingraiti 2008; ( Premio “Cuore di Sicilia, 2001; Premio Pane Giallo di Sicilia, 2003; Premio Alessio Di Giovanni, 2005; Premio Helikon, 2005; Premio “G. Sunseri”, 2010; Premio “Città di Marineo” 2011; Premio “Terra d’Agavi”, 2012; )

“FUOCO DI LUCI”, narrativa, casa ed. Kimerik 2011 (Premio “Bernardino Giuliana”, 2003; Premio Scrittori e Poeti Siciliani, 2009; Premio Donna semplicemente Donna, 2011; Premio “Onda d’arte” 2013)

“LA BALLATA DEL PENTAGRAMMA” poesie, tipografia Ingraiti 2013. (Premio “L’Artigiano Poeta” 2013; Premio “Polverini”2013)

“IL SOLE NEL CUORE” fiabe, casa editrice Kimerik 2013.

Ha pubblicato racconti e poesie su riviste e antologie ed è impegnata attivamente come operatrice culturale.