Stampa
Categoria: 13 Memorial Rosa Balistreri
Visite: 127

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



CORI NIURU
Alessandra Ristuccia

COTI NIURU
E chi fu? S'apriu lu cielu!
E chi fu? Sinni i' 'ntra 'u mari!
O Signori, no, sta grazia, nun nn'a vosi rialari.
Cori meu, chi avissi a fari?
nni sta terra ppi truvari
na casuzza unni stari
ppi putiri ripusari
niuru lu cori ca veni d'u mari
pigghiatu ppi 'i manu da 'u cielu e li stiddi,
niuru lu cori ca chianci luntanu 
vulissi l'amuri e l'amuri nun c'e' 
L'avi 'u mari 'i me pinzera
ca l'abbia ppi lu munnu;
li me ossa l'avi 'u suli
si chiesta e' vita m'u dicissi lu Signuri
e quannu pinzu a me genti e a 'u cori di me matri
viju tuttu lu duluri di l'omini sfruttati
E chi fu? S'apriu lu cielu!
E chi fu? Sinni i' 'ntra 'u mari!
O Signuri no sta grazia, si l'eppi a scurdari
niuru lu cori ca veni d'u mari
pigghiatu ppi 'i manu da 'u cielu e li stiddi
niuru stu cori ca chianci cchiu' forti 
vulissi 'sta vita aviri 'na sorti (2 volte)

                                                                                                  

CUORE NERO

E cosa è stato? S'è aperto il cielo!
E cosa è stato? Se ne è andato dentro il mare!
O Signore, no, questa grazia non ce l'ha voluto regalare.
Cuore mio, cosa dovrei fare?
in questa terra per trovare
una casetta dove stare
per potere riposare
nero il cuore che viene dal mare
preso per le mani dal cielo e dalle stelle,
nero il cuore che piange lontano
vorrebbe l'amore e l'amore non c'è
Ce l'ha il mare i miei pensieri
e li getta per il mondo;
le mie ossa l'ha il sole
se questa è vita me lo dica il Signore
e quando penso alla mia gente e al cuore di mia madre,
vedo tutto il dolore degli uomini sfruttati
E cosa è stato? S'è aperto il cielo!
E cosa è stato? Se ne è andato dentro il mare!
O Signore, no, questa grazia se l'è scordata
nero il cuore che viene dal mare
preso per le mani dal cielo e dalle stelle,
nero questo cuore che piange più forte lontano
vorrebbe cge questa vita avesse una sorte.


note sulla compositrice: Alessandra Ristuccia, nissena, cantante siciliana fin dalla più tenera età, ama profondamente la Sicilia, il dialetto, la storia, le tradizioni della nostra bellissima isola, è una tra le "cantantese" siciliane più fiere ed ispirate, la cui vena artistica è nata quasi per caso su incoraggiamento del percussionista Giancarlo Curto, scomparso prematuramente qualche anno fa. L'artista nissena oggi vive e lavora a Modica. Premiata più volte come vincitrice al Memorial Rosa Balistreri di Licata. il suo lavoro è tutto autoprodotto, con l’aiuto dei musicisti che la accompagnano, Marco Pluchino, Fabio Melilli e Roberto Barni. 
Ecco come la definisce L'Unita' del 26 agosto 2012
<<... Alessandra Ristuccia, l’erede di Rosa Balistreri, è profondamente radicata nella tradizione siciliana, le sue composizioni, tra cui spicca la delicata Cori Niuru raccontano la vita difficile dei dannati della terra di tutte le epoche, dimostrando lo stretto legame della musica popolare con la vita di tutti i giorni.