Stampa
Categoria: 13 Memorial Rosa Balistreri
Visite: 119

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



A NA VENIRI
Giuseppe Pastorello

A NA VENIRI
A na veniri jorna 

ca lu tempu nun t’abbasta cchiù
A na veniri jorna
ca ti vulissitu firmari ccà
A na veniri pinsera
ca nun l’ascuti cchiù
E a sentiri vuci
ca nun li capisci cchiù

Sunu l’anni ca n’avveniri
Ca nun l’aspittavi cchiù
Ca t’arrivanu di ncoddu
Comu li muschi a manzijornu

Sunu l’anni ca tu parri
E nuddu t’ascuta cchiù
Chiddi ca tu chiangi
E nun ti servi a nenti ormai

Sunu l’anni ca a na veniri
Ca nun s’arricordanu cchiù
Ca nun si cchiù sulu
Ma cc una fimmini n’coddu a tia

E vo sentiri a so vuci
E vo sentiri a so manu
E vo scriviri canzuna 
Ppi sintilla intra o cori
                               
E t’addumanni quantu tempu c’è
Ppì diri chiddu can un a ditttu mai
E t’addumanni quanta strata c’è
Ppi taliari chiddu can un ha vistu mai

E si ci po’ diri ancora
Iu pensu sulu a tia
E si ci po’ diri ancora
Iu aspettu sulu a tia.

DEBBONO ARRIVARE

Debbon venire giorni
che il tempo non ti basta mai
Debbon venire giorni
che ti vorresti fermare la
Vebbono venire pensieri
che non ascolti più 
E sentire voci
che non capisci più

Sono gli anni 
che debbono venire, 
quelli che non aspettavi più
come le mosche a mezzogiorno

Sono gli anni che tu parli
e nessuno ti ascolta più 
quelli che tu piangi
e capisci che non ti servono più

Sono anni che debbono venire
quelli che non si ricordano mai
che non sei solo
ma c'è una donna vicino a te 

E vuoi sewntire la sua voce
e vuoi sentire la sua mano
e vuoi ascoltare canzoni
per sentirla dentro al cuore

E ti chiedi quanto tempo resta
per dire quello
che non hai detto mai
E ti chiedi quanta strada c’è
per guardare 
quello che non hai visto mai
E se ci puoi dire ancora
io penso solo a te
e se ci puoi dire ancora
io aspetto solo te.


note sul compositore: Giuseppe Pastorello siracusano, ha fondato e diretto un gruppo musicale, che non è uno dei tanti complessi che si dedicano esclusivamente alla musica folcloristica, ma è anche un crogiolo di nuova musica siciliana, sperimentazione musicale e personale interpretazione delle nuove istanze dei giovani, sfoggiando, non solo strumenti antichi, ma aiutandosi con un ensemble di strumentisti di notevole talento, capaci di fare rivivere i fasti della musica siciliana.