GTranslate

Chi è online

Abbiamo 71 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



DI LA FIMMINA U' 'PO' FARI A 'MENU
Rosario Loria

DI LA FIMMIN’U’ ‘MPÒ ‘FFAR’A ‘MMÈNU

 

L’òmu forti, l’òmu putènti,
si ‘ddi sta vit’u’’ncapisci nènti,
o puru viaggia ‘ncàpu lu trenu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffàr’a ‘mmènu.

L’omu ‘bbònu, l’omu sàntu, 
s’havi cammìsa, e ‘ss’hàvi lu màntu,
e ‘ddi la vuccàzza, jètta vilènu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

L’òmu rànni, o l’omu fitùsu,
anchi si ‘ppòrta lu mùnn’a lu pusu,
e u’ ‘nn’accàtta, ‘nnè ‘llign’e ‘nnè ‘ffènu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

L’om’anuràtu, o sdisanuràtu,
anchi si hàvi lu cul’abbruciàtu,
si mi ‘nsùrta, mi grida, e‘gghiè mi sbènu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

Lu viddànu, o pùru lu burgisi,
sempr’ogn’annu, di sutta, cu li spisi,
li scarpùna sèmpr’ammòdd’a lu sirènu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

Lu mèdicu, o lu ‘dduttùrì,
anchi si ‘bisit’a ‘ttutti l’ùri,
e operàtu jèni, ‘pur’a lu so ‘rrènu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

Puru s’è ‘bbili, e u’ ‘ntravàgghia mai,
e lu so mùnnu, è ‘ncùcucciàtu di guai,
e di sta vita, fa ‘ttutt’unu scènu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

L’òmu di campàgn’a la muntàgna sta,
pi lu pani, va e ‘bbèni sempri di ddà,
pi lu so pinsèri, stàricci sirènu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

L’òmu riccu, l’omu cuntènti,
anchi s’u’ ‘nn’hàvi ‘cchiù, tutti li denti,
e u’ ‘mpò ‘ddiri: - A ‘ccu’ ‘appartènu ? -

L’òmu chi ‘mmòri, l’òmu ch’asciùca,
ànchi si binissi di la Sammùca,
e ormai chiàttu, pussèdi lu senu,
di la fimmin’u’ ‘mpò ‘ffar’a ‘mmènu.

                                                                                    

DELLA DONNA, NON PUOI FARE A MENO


L'uomo forte, l'uomo potente
anche se di questa vita non capisce niente
oppure viaggia sul treno,
della donna non può fare a meno.

L'uomo buono, l'uomo santo,
se è ben vestito, oppure se ha solo un mantello,
e dalla boccaccia getta veleno,

della donna non può fare a meno.

L'uomo grande o l'uomo sporco,
anche se ha il mondo in possesso,
e non compra né legno e né fieno,
della donna non può fare a meno.

L'uomo onorato o disonorato
anche se nasconde scheletri nell'armadio,
se mi insulta, mi grida ed io svengo
della donna non può fare a meno.
Il medico o il dottore
anche se visita a tutte le ore
ed è operato è stato pure ai reni
della donna non può fare a meno.
Pure se è vile e non lavora mai
ed il suo mondo è pieno di guai
e di questa vita ne fa tutta una scena
della donna non può farne a meno

Il contadino o il proprietario,
sempre ogni anno, sotto, con le spese,
con le scarpe sempre nel fango
della donna non può fare a meno.

Il medico, il dottore,
anche se visita a tutte le ore,
ed è stato operato ai reni
della donna non può fare a meno.

Anche se è vile e non lavora mai
ed il suo mondo è pieno di guai,
e di questa vita fa una sceneggiata,
della donna non può fare a meno.