GTranslate

Chi è online

Abbiamo 315 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



A MINNEDDRA DA SICILIA 
Mel Vizzi

A MINNEDDRA DA SICILIA 

Sprèma minnèddri, Suca lattanti 
longa è la fila, li figli su tanti ! 
Matri amurùsa… Matri piatùsa… 
Matri c’on tena mai i minni vacanti. 
    Sparsa è la vuci… Curra la genti ! 
    …‘rrìvanu figli di li Cuntinenti ! 
    Tutti la minna vanu circànnu… 
    …di tuttu u munnu si fanu prisènti ! 
A Sicilia è vicciarèddra 
ma carusa s’apprisènta… 
pronta a dari a minnèddra 
a’ la figliàta ca s’abbènta ! 
    Ava a minna sempri cina 
    pp’ogn’ addrèvu ca abbramatu 
    si cci appizza comu spina 
    … e avi fami…du passatu. 
Apra a porta a ccò cci vàtta… 
… a Sicilia a tutti addràtta ! 
Duna latti, aggiòrna e scùra, 
ch’è a sò Storia… a sò Curtùra… 
Se c’è fami… o se c’è arsura 
…duna latti ‘e criatura. 
    Sprèma minnèddri / Suca lattanti 
    longa è la fila, li figli su tanti ! 
    Matri amurùsa…/ Matri piatùsa… 
    Matri c’on tena mai i minni vacanti. 
A Sicilia è na muglièri 
du maritu abbannunàta 
sula e cina di pinzèri 
…troppi figli ‘mmenz’a strata ! 
    Ma ‘un si tira annarrèri 
    sempri pronta a tutti l’uri 
    arricìva forastèri 
    dannu a tutti u sò caluri. 
Ava a minna sempri cina 
pp’ogn’ addrèvu ca abbramatu 
si cci appizza comu spina 
…e avi fami…du passatu. 
    Sprèma minnèddri / Suca lattanti 
    longa è la fila, li figli su tanti ! 
    Matri amurùsa…
Matri piatùsa… 
    Matri c’on tena mai i minni vacanti.

                                                                                         

                         

LA MAMMELLA DELLA SICILIA 

Spremi mammelle… succhia lattante ! 
lunga è la fila, i figli son tanti ! 
Madre amorosa… Madre pietosa… 
Madre che non ha mai le mammelle vuote. 
    La voce è sparsa corron le genti ! 
    arrivano figli da più Continenti ! 
   Tutti il suo seno vanno cercando… 
    da tutto il mondo si rendon presenti ! 
L a Sicilia è vecchiarella 
ma, ragazza si presenta
pronta a dare la mammella 
alla figliata che le si avventa ! 
    Il suo seno è sempre pieno 
    per il lattante che bramante 
    gli si attacca come spina 
    avendo fame del passato. 
Apre la porta a chiunque bussa 
… la Sicilia allatta tutti ! 
Dona latte, giorno dopo giorno, 
ch’è la sua sua Storia… la sua Cultura… 
se c’è fame… o se c’è arsura… 
dà il suo latte ad ogni creatura. 
    Spremi mammelle… / succhia lattante ! 
    lunga è la fil,a i figli son tanti ! 
    Madre amorosa… Madre pietosa… 
    Madre che non ha mai le mammelle vuote. 
La Sicilia è una moglie 
dal marito abbandonata, 
sola e piena di preoccupazioni 
…ha troppi figli sulla strada ! 
     Ma indietro non si tira 
    sempre pronta a tutte le ore 
    a ricever forestieri 
    dando a tutti il suo calore. 
Il suo seno è sempre pieno 
per il lattante che bramante 
gli si attacca come spina 
avendo fame del passato. 
Spremi mammelle… succhia lattante ! 
lunga è la fila, i figli son tanti ! 
Madre amorosa… Madre pietosa… 
Madre che non ha mai le mammelle vuote.


Il Cuntastorie Licatese, al secolo: Carmelo Vizzi, o Mel Vizzi, poeta dialettale licatese, ha sviluppato una forte passione per le TRADIZIONI POPOLARI E LA STORIA LOCALE, perciò ha condotto attente ricerche, studiando storie e leggende di Licata (antiche, ma anche più recenti), ha iniziato a comporre i CUNTI e a creare (da artista poliedrico ed anche figurativo, quale egli è) CARTELLONI ALLA CANTASTORIE per raccontare a suo modo la storia della Sicilia e di Licata. Ha raccontato la storia di Rosa Balistreri con annesso cartellone da cuntastorie; il suo "CUNTO DI ROSA", in versi dialettali, ripercorre l'intera vita dell'artista ( Mel Vizzi li ha presentati pubblicamente in diverse occasioni)