GTranslate

Chi è online

Abbiamo 263 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



A RUSIDDA 'MPIRTINENTI E A FAVUZZA TENNIRA
Francesca Vitello

A RUSIDDA 'MPIRTINENTI 
E A FAVUZZA TENNIRA

Ni la campagna, spirduta e sulagna, 
sutta l'occhiu d'un suli d'Abbiliri, 
cu l'acquazzina ca luci e lu vagna, 
un mennulu, cusuiteru, sintì 'stù diri:

"Nascivu ciura sarbaggia, mi fici po' 'nnistari 
e rosa supraffina, mi fazzu taliari! 
Sugnu rosa russa, virmiglia e villutata, 
ciuri di l'Amuri sugnu 'nnuminata!

Pallita e sciluccusa è, ammeci, a to ciurìa, 
resta vascia vascia, nuddu la talìa! 
Affacciata a lu rusetu, 
mi pitta di russu lu suli 
e tu, sempri ammucciata, 
sì fava malacculuri"!!

"Carmati tanticchia, rusidda 'mpirtinenti, 
ascunta li me palori e tenili 'bbeni a menti: 
taliannu l'apparenza, 
idda ti pò 'ngannari, 
ha 'gghiri a la sustanza si u veru vo truvari!
Veru è ca 'stu fugliami 
mi teni ammucciata, 
ma, comu favuzza tennira, 
sugnu, assà circata! 
Pi 'ttia ca nun mi vidi, 
iu sugnu misira cosa, 
ma ognunu, ni la vita, 
serbi a quarchi 'ccosa: 
mentri, cu 'ttia, 
d'Amuri parlanu li 'nnamurati, 
cu 'mmia, li panzi s'inchinu 
li poviri affamigliati, 
pirchì si unn'hannu pani 
e spinnanu pi mangiari, 
cu favi cotti e maccu li fazzu arricriari!

Quannu, pi 'ttia, tracodda 
a stajuni di lu ciuri 
tu nun serbi a nenti, 
nun parli 'cchiù d'Amuri 
e mentri li to pitali vennu ittati o ventu, 
iu restu, pi li famigli, 
sustegnu e nutrimentu... 
perciò, rusidda mia, prima di giudicari,
"scricchiami"!
Ni lu cori, tu m'ha taliari"!

                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

LA ROSA IMPERTINENTE 
E LA FAVETTA TENERA

Nella campagna sperduta e solitaria, 
sotto l'occhio di un sole d'Aprile, 
con la rugiada che luccica e lo bagna, 
un albero, curioso, sentì questo dire:

"Sono nata fiore selvaggio, mi sono fatta, poi, innestare e rosa sopraffina, mi faccio, oggi, ammirare! Sono rosa rossa, vermiglia e vellutata, fiore dell'Amore sono nominata.

Pallido e scolorito è, invece, il tuo fiorire, 
resta basso, basso fino al suo sfiorire! 
Affacciata al roseto,
mi pittura di rosso il sole 
e tu, sempre nascosta, 
sei fava senza colore"!

"Calmati un pochino, rosetta impertinente, 
ascolta le mie parole, tienile bene in mente: 
se guardi l'apparenza, 
questa ti può ingannare, 
vai alla sostanza se il vero vuoi trovare.

Sì, da questo fogliame 
la vista mi viene negata 
ma, come favetta tenera, 
sono gustosa e cercata! 
Per te che non mi vedi, 
io sono misera cosa 
ma, ognuno nella vita, 
serve a qualche cosa: 
mentre, con te, d'Amore 
parlano gli innamorati, 
con me le pance riempiono
i poveri affamati, 
perché se non hanno pane 
e bramano per mangiare, 
con fave cotte e "maccu" (1) li faccio saziare!
Quando, poi, tramonta 
la stagione del tuo fiore, 
tu non servi a niente 
e non parli più d'Amore! 
E mentre i tuoi petali vengono buttati al vento,
io resto, per le famiglie, 

sostegno e nutrimento!
Perciò, rosetta mia, prima di giudicare, 
"aprimi"! Dentro il cuore, 
mi devi, tu, guardare! 

1) maccu": purea di fave, finocchietto
selvatico e olio d'oliva.


note sulla poetessa: Francesca Vitello vive ed opera a Favara, insegnante, da circa tre anni si dedica nel tempo libero alla poesia. Ha partecipato alla scrittura di un musical Legalità musical presentato a Sangemini (Terni) musical che tratta del terrorismo, fame nel mondo, violenza arrivando tra le prime dieci scuole in tutta Italia. Ha messo in versi siciliani la Via Crucis con le 14 stazioni e da ben 14 anni viene rappresentata a Favara.