GTranslate

Chi è online

Abbiamo 55 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2012- 2013
Presidente Dr. Domenico Raneri

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 12° edizione
sezione Poesie

 


AMANTI DI TERRA LUNTANA 
poeta: Francesco Romano
5° Classificato

 

AMANTI DI TERRA LUNTANA 

L'avìssimu a circàri, 'ntirrugàri,
scavàri nni lu fùnnu di lu cori,
scuprìri lu turmièntu ca cunzùma:
l'amuri di la terra ca è luntana.

Avìssimu ascutàri la sò vita,
quannu lu sò paìsi era strittu
e lu fìciru scugnàri senza drittu.

Avìssimu a capìri la sò rràggia 
comu un carzaràtu nni la gàggia.

Nunn'è 'na voglia di guerra,
ma sintimièntu d'amuri ppi la terra.

Amuri ca nun si pò dimustràri
ppi lu distìnu ca nun fa turnàri.

Ma cu sùnnu li 'migrànti?
Sùnnu tanti, tanti e tanti,
simplicimènti pòviri amanti.

 

CUORE NERO

E cosa è stato? S'è aperto il cielo!
E cosa è stato? Se ne è andato dentro il mare!
O Signore, no, questa grazia non ce l'ha voluto regalare. 
Cuore mio, cosa dovrei fare?
in questa terra per trovare
una casetta dove stare
per potere riposare
nero il cuore che viene dal mare
preso per le mani dal cielo e dalle stelle,
nero il cuore che piange lontano
vorrebbe l'amore e l'amore non c'è
Ce l'ha il mare i miei pensieri
e li getta per il mondo;
le mie ossa l'ha il sole
se questa è vita me lo dica il Signore
e quando penso alla mia gente e al cuore di mia madre, 
vedo tutto il dolore degli uomini sfruttati
E cosa è stato? S'è aperto il cielo!
E cosa è stato? Se ne è andato dentro il mare!
O Signore, no, questa grazia se l'è scordata
nero il cuore che viene dal mare
preso per le mani dal cielo e dalle stelle,
nero questo cuore che piange più forte lontano
vorrebbe cge questa vita avesse una sorte.