GTranslate

Chi è online

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

 
MEMORIAL ROSA BALISTRERI 11° EDIZIONE
SEZIONE POESIE

DUNNI È CHI SUNNU LI MANU DI “DIU?”
Giuseppe Vultaggio

DUNNI È CHI SUNNU
LI MANU DI “DIU?”

Dunni è chi voli lu cori e la menti:

eccu ‘unni sunnu li manu di “Diu”,

pronti a abbrazzari lu munnu e la genti,

chiantati ‘n cruci…cu tantu di priu!

Quannu ‘a matina ti susi cuntenti,

si trovi ‘u suli - e la luna si nni iju -

nun è lu fruttu d’un jocu valenti:

ddocu ci sunnu li manu di “Diu!”

Si quannu senti ch’’un ci la poi fari

e tuttu ciò chi ti passa va stortu

e senti puru la terra mancari

- mentri camini cu lu cori mortu -

ma a un trattu viri li cosi canciari

picchì ‘n amicu ti duna cunfortu…

chissu ‘un succeri pirchì ài li dinari:

ddocu c’è ‘a manu di “Cristu” risortu!

Quannu la sira va trovi ntô lettu

li to figghioli curcati e durmienti

e senti ‘u cori chi rumpi lu pettu,

mentri li vasi cu l’occhi lucenti,

pensa chi chissi su’ ‘u fruttu perfettu

di la “creazioni”: lu «donu eccellenti!»

nun è lu fruttu d’’u nostru ‘ntellettu:

ddocu c’è ‘a manu di “l’Onniputenti!”

Nun dari curpa all’eventi, a lu cleru,

ccà supra ‘a terra è “umanu” ‘u sbagliari,

ma si ci cridi cu fari sinceru…

allarga ‘i manu poi fatti abbrazzari;

parissi stranu, è un granni misteru,

“sta” a ciancu a tia ma ‘un ti voli furzari,

“Àvi” rispettu…picchì «ama pi veru»:

si voi ‘i so manu…t’abbasta chiamari!

                                                                                                             

 

DOV’E’ CHE SONO 
LE MANI DI “DIO?”

Dov’è che vuole il cuore e la mente: 
ecco dove sono le mani di “Dio”, 
pronti ad abbracciare il mondo e la gente,

inchiodate in croce…con tanto di piacere!

Quando al mattino ti alzi contento 
se trovi il sole - e la luna se n’è andata -

non è il frutto di un gioco abile: 
li ci sono le mani di “Dio!”

Se quando senti che non ce la puoi fare 
e tutto ciò che ti accade va storto 
e senti pure la terra mancare 
- mentre cammini con il cuore morto - 
ma ad un tratto vedi le cose cambiare

perché un amico ti da conforto… 
questo non accade perché hai i soldi: 
li c’è la mano del “Cristo” risorto!


Quando la sera vai a trovare nel letto 
i tuoi figli coricati che dormono 
e senti il cuore che spacca il petto,

mentre li baci con gli occhi lucenti,

pensa che questi sono il frutto perfetto della creazione:

il «dono per eccellenza!» 
non è il frutto del nostro intelletto: 
li c’è la mano “dell’Onnipotente!”

Non dare colpe agli eventi, al clero, 
qui sulla terra è umano l’errore 
ma se ci credi con fare sincero…
stendi le mani poi fatti abbracciare;

sembrerebbe strano, è un grande mistero,

“sta” al fianco tuo ma non ti vuole forzare,
“Ha” rispetto…perché «ama davvero»: 

se vuoi le sue mani…ti basta chiamare!