GTranslate

Chi è online

Abbiamo 35 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

 
MEMORIAL ROSA BALISTRERI 11° EDIZIONE
SEZIONE POESIE

RICCHIZZA RI LA TERRA MIA
Liba Tumbarello

RICCHIZZA RI LA TERRA MIA

Chissa mia é terra ri mari, ri suli,

ri vigni stinnigghiati a longu:

ricchizza e vantu ri la nostra genti.

Chissa mia é terra ri viddrani

chi tuttu l’annu travagghianu li zucchi

e aspettanu cu’ pacienza la ricota

picchi pi ricchizza harmu sulu la vinnigna.

Caitteddri chini ri coccia r’oru, fattu

ri rappi ri racina nzolia, riddru c catarrattu

chi lu viddranu poi trasforma a vinu

chi saivva rintra i carratuna e na li vutti

comu trisoru nna la cassafoitti.

Chissa mia é terra run tempu ora luntanu,

ri quannu i ‘nglisi, ricchi commercianti e speitti,

caperu quali oru pussirianu e nni ficiru ricchizza:

li bagghi vinniru a ‘mpiantari

e u nostru vinu a travagghiari.

Ora la fama ru Maissala é ranni

a semu canusciuti ‘ntuttu u munnu

piccatu chi la vigna ormai nu’ renni

pa pinospira, i rannuli e ‘u clima stranu

e nuddru chiù la vo1i travagghiari

picchi cchiù leggia ri la zappa é a pinna

e la caitteddra china ri racina

é cchiù ravusa ri li libbriccina.

Ma sugnu nna me terra raricata

e lu me cori ancora spera e rici:

un’ ti scantari di li sacrifici,

sta terra ‘nn’abbannunari

ancora tanta ricchizza ti pò dari.

                                                        

RICCHEZZA DELLA MIA TERRA

Questa mia è terra di mare, di sole,

di vigne a lunghe distese:

ricchezza e vanto della nostra gente.

Questa mia è terra di contadini

che lavorano tutto l’anno la vigna

e aspettano con pazienza il raccolto

perché per ricchezza hanno solo la vendemmia.

Ceste piene di gocce d’oro, fatto

di grappoli di uva inzolia, grillo e cataratto

che il contadino poi fa diventare vino

che conserva dentro botti

come tesoro dentro la cassaforte.

Questa mia è terra di un tempo ora lontano

di quando gli Inglesi, commercianti ricchi ed esperti

capirono quale oro possedevano
e ne hanno fatte ricchezza;
vennero ad edificare gli stabilimenti vinicoli
per lavorare il nostro vino.

Ora la fama del Marsala è grande

e siamo conosciuti in tutte il mondo,

peccato che il lavoro della vigna non è più redditizio

per la peronospera, la grandine e il clima strano

e nessuno più vuole lavorarla

perché la penna è più leggera della zappa

e il cesto pieno d’uva

e più pesante dei libri.

Ma ho le mie radici affondate nella mia terra

e il mio cuore ancora spera e dice:

non avere paura dei sacrifici,

questa terra non abbandonare,

ancora tanta ricchezza ti può dare.