GTranslate

Chi è online

Abbiamo 71 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

 
MEMORIAL ROSA BALISTRERI 11° EDIZIONE
SEZIONE POESIE

PURU L'AGRUMI PARLANU
Salvatore Sciortino

PURU L'AGRUMI PARLANU

Un sanguinellu russu e malandrinu

si rivurgì a n'aranciu brasilianu

dicennucci: "Iu paru un mandarinu

e tu fa sulu ummira nu chianu."

L'aranciu s'offinnì e pi risposta

cci dissi: "Tu ha na beddra facci tosta,

iu sulu sugnu dunci e ricircatu

mentri tu resti spissu 'mpinnuliatu."

Sintì stu battibeccu 'u mandarinu,

pi scornu cci spruzzà lu so profumu,

si 'mbriacà 'a lumia di ddra vicinu

e scatascià: "Parlati a unu a unu!"

E 'u scùmbulu citrignu comu un cuti

gridà: "Carù… chi su sti vaniddrati,

guditivi lu suli e stati muti,

si scinnu a tutti tri pigliu a pidati!"

E la lumia di zoccu sintì diri

pruvà disgustu e tantu dispiaciri,

na frasi prununzià cu poesia:

"Li pranzi su tabù senza di mia."

Tra 'i rami 'u mandaranciu silinziusu

faciva 'u neutrali, l'affruntusu,

e lu taroccu tostu e a forma ovali

diciva: "Comu mia nun c'è l'uguali."

S'arrisinteru 'mpinti tra li rami

l'aranci di vaniglia e l'umincelli

sbraitannu: "Cca cuieti 'un si po stari

cu sti canagli e massa di ribelli."

Cu 'ntisi li discursi di st'agrumi

li misi 'ncapu un fogliu e li pirsuni,

l’hannu a cuntari a tutti li carusi

pirchì su frasi beddri e aguriusi.

                                                                                        

 

ANCHE GLI AGRUMI PARLANO

Un sanguinello rosso e malandrino

si rivolse ad un arancio brasiliano

dicendogli: “io sembro un mandarino

e tu fai soltanto ombra nella pianura”

L’arancio si offese e per risposta

Gli disse: Tu hai una bella faccia tosta, 
io sono soltanto dolce e ricercato

mentre tu resti spesso appeso.

Sentì questo battibecco un mandarino

per scorno gli spruzzò il suo profumo,

si ubriacò il limone lì vicino

e disse con forza: “Parlate ad uno ad uno!”

e lo scumbolo (1) citrigno come una pietra di fiume
gridò:
“Ragazzi… cosa sono queste grida da cortile,

godetevi il sole e state muti

se scendo a tutti e tre prendo a pedate”.

E il limone di quello che sentì dire

provò disgusto e tanto dispiacere,

una frase pronunziò con poesia:

“Li pranzi sono tabù senza di me”.

Tra i rami un mandarancio silenzioso

Faceva il neutrale, il vergognoso,

e il tarocco tosto e a forma ovale

diceva: “Come me non ce n’è uguale.”

Si risentirono appesi tra i rami

le arance vaniglia e i limoncelli

sbraitando: “Qui in santa pace non si può stare

con queste canaglie e massa di ribelli.”

Chi intese i discorsi di questi agrumi

li mise su un foglio e le persone

debbono raccontarlo a tutti i ragazzi

perché sono frasi belle e pieni di auguri.

1) varietà di arancia