GTranslate

Chi è online

Abbiamo 749 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

 
MEMORIAL ROSA BALISTRERI 11° EDIZIONE
SEZIONE POESIE

A ME PATRI
Salvatore Mossuto

A ME PATRI

Nascivu poviru comu u Bammineddru,

intra un dammusu nu me curtiglieddru;

me matri cu me patri avianu lu pregu,

ca pi grazia di Diu

tutti li figli sani cci nasceru.

Quantu guà vitti a tempi me patri,

quannu eramu nichi soru e frati;

pi dari a mangiari a tanti affamati,

faciva siritini e matinati.

Un gnornu intra iddru un si firmava!

fina ni li festi travagliava,

era massaru, di natura arceru,

mi lu ricordu battaglieru.

Faciva lu vinnituri ambulanti!

cu vinniri frutta nni campava a nantri;

e tri ogni matina si susiva

e cu sciccareddru o scaru sinn’iva.

Tempu di vernu era marturiatu,

do scaru s’arricampava assammaratu;

arrivava intra e di li robbi si cangiava

e dopu tannicchia lu paisi firriava.

La frutta iddru tutta la smirciava!

fina pi favi e frumentu la cangiava,

finiva a mazziò di travagliari

dopu na jurnata di sudari.

Me matri cu pinzeri l’aspittava

e sempri la vaneddra taliava

e quannu du curtigliu lu vidia spuntari

chiamava e figli:

u papà è stancu itilu aiutari.

Eramu poviri ma ricchi di rispettu!

di me patri l’aviamu l’affettu,

arrivava intra e a tutti ni chiamava

e cu li vrazza stanchi n’abbrazzava.

                   

A MIO PADRE

Son nato povero, come il Bambinello
dentro un dammuso nel mio cortiletto;

mia madre con mio padre si pregiavano

che, per grazia di Dio,

tutti i figli fossero nati sani.

Quanti guai vide ai quei tempi mio padre,
quando eravamo piccoli sorelle e fratelli;

per dare a mangiare a tanti affamati 
lavorava serate e mattinate.

Neppure un giorno si fermava!

Anche nelle feste lavorava,

era massaro, di natura arcigno

me lo ricordo battagliero.

Faceva il venditore ambulante!

Vendendo frutta dava da vivere a noi;

alle tre ogni mattina si alzava

e con l’asinello in campagna andava.

D’inverno era martoriato

Dalla campagna rientrava tutto bagnato;

arrivava dentro casa e si cambiava i vestiti

e dopo un poco girava per il paese.

La frutta tutta la smerciava!

Perfino con fave e frumento la cambiava,

finiva a mezzogiorno di lavorare

dopo una giornata di sudare.

Mia padre pensierosa lo aspettava

E sempre la strada guardava

E quando nel cortile lo vedeva spuntare

Chiamava i figli:

il papà è stanco andate ad aiutarlo.

Eravamo poveri, ma ricchi di rispetto!

Di mio padre avevamo l’affetto,

arrivava a casa e a tutti ci chiamava

e con le braccia stanche ci abbracciava.