GTranslate

Chi è online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

U SILENZIU RUTTU
Fabio Messina

U SILENZIU RUTTU

Succeri ca ri notti nta la stati,

quannu tardu m’arritiru

e finuti su ra festa li gran botti,

mi scialu lu silenziu chinu chinu,

ca u sensiu ri la paci è troppu forti.

Scinnu li scali versu a casa

e viru la biddizza avanti a mia,

chiesi antichi e casi abbrazzati,

stratuzzi ri petra 'ntagghiati,

lustru ca ccu lu scuru fa l’amuri.

Ma quannu juntu sugnu

a du' passi ra mè casa,

stu silenziu maravigghia,

tuttu i corpu veni ruttu,

ca si senti u sonu ri nu cantu.

E’ u vicinu ca durmennu,

porti aperti ppi la stati,

runfa bonu e teni bancu,

nu maistru i filastrocca

ca nta notti rapi vucca.

Mischinazzu lu silenziu

jetta vuci e si lamenta,

ma la notti ci arrispunni

ca u runfari ri lu sonnu

conza i chinu lu vacanti.

E iu prijato ri sta scena,

fazzu lestu ppi durmiri,

ca mmiriusu ro vicinu,

vogghiu trasiri nto sonnu

e attaccari a serra mia!

                              

IL SILENZIO INFRANTO

Succede che di notte in estate,

quando tardi ritorno a casa

e finiti sono i grandi fuochi della festa,

mi godo il silenzio pieno pieno

che il senso della pace è troppo forte.

Scendo le scale verso casa

e vedo la bellezza dinanzi a me

chiese antiche e case abbracciate,

stradine di pietra intagliate,

luce che con il buio fa l’amore.

Ma quando sono giunto

a due passi da casa mia,

questo silenzio meraviglia

tutto ad un tratto viene infranto,

chè si sente il suono di un canto.

E’ il vicino che dormendo,

porte aperte per l’estate,

russa bene e tiene banco,

un maestro di filastrocca

che nella notte apre bocca.

Poverino il silenzio

grida e si lamenta,

ma la notte gli risponde

che il russare della notte

condisce di pieno il vuoto.

E io allietato da questa scena,

faccio presto per dormire,

che invidioso del vicino,

voglio entrare nel sonno

e attaccare la mia sega!