GTranslate

Chi è online

Abbiamo 36 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

RUSSU CURADDU ‘N-PETTU
GIuseppe Ingardia

RUSSU CURADDU ‘N-PETTU

‘Na petra viva di russu curaddu

piscata ‘n-funnu lu mari egadinu

vulissi ‘n-pettu meu dunni ddu jornu

stampai la facci tua bedda, distisa…

cuntintuna oramai pi lu trapassu

di chista vita a n’autra tantu megghiu

chi lu Signuri pi troppu tempu assai

nun potti fari a menu ‘i rialarìti

-nuddu mi leva ‘i testa ‘ssa cirtizza-

vadagnata doppu tantu soffriri

supra ‘sta terra, matri ducissima!

Accussì cercu l’urtimu to’ ciatu

e nun finisciu matri amatissima,

p’arricogghilu poi nun sacciu quannu

e p’attruvari l’urtima taliàta

l’urtimu toccu ‘i cori, lu pinsèri

chi ti purtasti ‘nta l’eternitati.

Dimmillu Matri, ristai ‘nta l’occhi toi

binidittu di tia chi ‘e primi passi

raccunannasti: “Attentu figghiu santu,

zicchìa sempri pi tia la strata justa”?

Dimmillu Matri, ddocu supra chi c’è?

                                                                                        

ROSSO CORALLO IN PETTO

Un cammeo pulsante di corallo rosso

pescato nei fondali del mare delle Egadi

vorrei sul mio petto dove quel giorno

fissai il tuo bel volto, disteso…

contentissimo ormai per il trapasso

da questa vita ad un’altra molto migliore

che il Signore per troppo tempo

non potè fare a meno di regalarti

-nessuno mi toglie di testa questa certezza-

che ti eri meritata dopo tante sofferenze

su questa terra, madre dolcissima!

Così cerco il tuo ultimo respiro

e non smetto mai di farlo madre amatissima,

sperando di raccoglierlo un giorno non so

quando e per ritrovare il tuo ultimo sguardo

il tuo ultimo battito di cuore, il tuo pensiero

che portasti con te all’eternità.

Dimmelo madre, sono rimasto nei tuoi occhi

benedetto da te che fin dai miei primi passi

raccomandasti: “Attento figlio mio,

scegli sempre per te la strada giusta?”.

Dimmelo madre: “Lassù cosa c’è?”