GTranslate

Chi è online

Abbiamo 24 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

A ROBBA RA ZITA
Cettina Lascia Cirinnà

A ROBBA RA ZITA

Ri nica nica u sapìa ca na cascia virdi
mo mattri ammucciava qualchi lira
picchì ricìa sempri:

"Nun si po' sapiri
chi succeri rumani matina",
ma a mia mi piacia taliari i linzola

ianchi comu o latti

ricamati che pizzi viecci

e i melletti priziusi ...

Fantasticavu e pinsava

a sta zita o juornu ro spusalizio,

mi pari ri sentiri
a vuci ri mo mattri ca ricia:

"Figghia mia chi sta eni a robba ra zita".
Mi rivurdu ca ammucciuni ri tutti

ogni tantu spingìa
u cummugnu ra cascia
ppi sentiri u ciauru ro gessumino

ca mo mattri che manu suoi

pusava tra nu linzuolu e n'autru

picchì nenti po' riuddari
a terra ra Sicilia
comu u ciauru ro gessuminu.

                                                                                                             

IL CORREDO DELLA SPOSA

Quando ero piccola sapevo che nella cassapanca verde
mia madre nascondeva qualche lira,
perché diceva:

"Non si può sapere 
cosa succede domani mattina",

ma a me piaceva guardare le lenzuola

bianche come il latte, 
ricamate con i pizzi antichi 
e i merletti preziosi ...

Fantasticavo e pensavo

alla sposa nel giorno del matrimonio,

mi sembra di sentire 
la voce di mia madre che diceva:

"figlia mia questo è il corredo della sposa".

Mi ricordo che di nascosto

ogni tanto alzavo 
il coperchio della cassapanca

per sentire il profumo del gelsomino

che mia madre con le sue mani

posava tra un lenzuolo e l'altro

perché niente può ricordare 
la terra di Sicilia

come il profumo del gelsomino.