GTranslate

Chi è online

Abbiamo 783 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

A PENA DI NA MATRI
Santo Grasso

 

 

A PENA DI NA MATRI

Nun tumasti cchiù,

figghiu miu.

Ccu cori ‘npena

tantu tempu cridia

vidiriti spuntari

tra ‘nfilaru d’alivu

e ‘nchianu di furmentu.

Ristasti ‘ndi na terra

ca nun t’apparteni,

tra cu nun sapi

e ccu cridi di sapiri

chiddu véni a diri libirta.

Ristasti dda,

unni la guerra regna

e la morti sciàla.

Unni ammucciatu

fu lu to corpu misu

e cchiù di tia

iu nun nni sappi nova.

Puru ca si luntanu,

iu nun ti lassu mai sulu,

figghiu miu,

di quannu spunta ‘u suli

finu ca notti mori,

supra l’ali di lu me pinzeri,

volo unni si tu.

T’accarizzu duci li capiddi

comu quannu eri nicu,

ti fazzu ‘a nnacatedda

strittu a lu me pettu di matri

e ‘ndu silenziu di la notti,

a menza vuci,

cantu ‘a ninna nanna

a lu to sonnu etemu.

                                                              

LA PENA DI UNA MADRE

Non sei più tornato,

figlio mio.

Col cuore in pena

tanto tempo credevo

vederti apparire

tra filari d’ulivo

e distese di grano.

Sei rimasto in una terra

che non ti appartiene,

tra chi crede

di sapere quello

che significa libertà.

Sei rimasto li,

dove la guerra regna

e la morte gode.

Dove nascosto

il tuo corpo fu seppellito

e di te,

io non ebbi più notizie.

Pur se lontano,

non ti lascerò mai solo,

figlio mio,

dal sorgere del sole

fino al morir della notte,

sulle ali del mio pensiero,

volerò fino a te.

Ti accarezzerò dolcemente i capelli

come quando eri piccolo,

ti cullerò

stretto al mio seno di madre

e nel silenzio della notte,

sottovoce,

canterò la ninna nanna

al tuo sonno eterno.