GTranslate

Chi è online

Abbiamo 776 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

L'OMU CHI NASCI E CRISCI
Salvatore Gaglio

L'OMU CHI NASCI E CRISCI

L'omu ch’è comu mia

- chi nasci e crisci -

è stiddra chi s’affaccia pi na vota:

fa lu so giru, e prima o po' spirisci

a lu firrìu di la potenti Rota;

e quannu coddra la vita chi fu,

chioppi / scampà / nun si ni parla cchiù.
Di tanta luci, resta la memoria

fin’a quannu nni dura,

e fin'a quannu 'n cori nun ni scura.

Lu khiatu di la Storia
è neglia chi sciugliénnusi spapura;
e quannu si l’agliutti lu gran nenti,
nun si ni sapi / e mancu si ni senti.
Tu nun ci cridi?

E cu ci ha mai cridutu

ca na stiddra sfaiddrava

e dava luci a celi e firmamenti,

di nni stu scuru sempri cchiù potenti?

L'omu ch’è comu mia

- chi crisci e chi spirisci -
è lu stessu d’un khiuri
nutricatu di l’àrbulu: cunchisci,
si sporgi pi li timpi e li chianuri,

e scorgi quantu vita e quantu amuri

sorgi ni la Natura,

di quannu si fa lustru a quannu scura.

Comu un khiuri

- nnuccenza e ncantamentu -
sentu lu ventu crìsciri a vasciura:
Suspiru chi si càrrica di vita,
potenza senza freni di Natura,
l’arduri chi c’è n’iddru
vola ad ogni disiddru chi lu mmita.

Lu ventu curri e passa pi ogni latu

pi fari nta ogni pianta un siminatu

Chi arcanu gudimentu
è ddu passari e cùrriri di ventu!

Si tu la gioia, o Khiatu chi si spargi

E n’inghi l’aria pi muntagli e margi.

Ma viu ca duri appena na vintata

po’ si fa notti, e cessa la jurnata.

                                                                                                                                 

L'UOMO CHE NASCE E CRESCE

L’uomo che è come me

- che nasce e cresce -

è stella balugina una volta:

compie il suo giro, e prima o poi svanisce

nel turbinio della potente Ruota;

e quando scema la vita che fu,

piovve cessò, non se ne parla più.
Di tanta luce, resta la memoria

fino a quando perdura,

e fino a quando in cuore non ci abbuia.
Il fiato della storia è nebbia 
che sciogliendosi svapora; 
e quando se l'ingurgita il gran niente, 
non se ne sa e neppure se ne sente.
Tu non ci credi?

E chi ci ha mai creduto

che un astro sfavillava

e dava luce a cicli e firmamenti

da questo buio sempre più potente?

L’uomo che è come me

- che cresce e che svanisce -
è lo stesso di un fiore
sostentato dall’albero; matura,

si sporge per le balze e le pianure, 
e scorge quanta vita e quanto amore 
sorge nella Natura, 
da quando si fa luce a quando abbuia.

Come un fiore

- innocenza e incantamento -

sento il vento che cresce a fondovalle: 
Respiro che si carica di vita, 
potenza senza freni di Natura, 
l’ardore che c’è in lui 
vola verso ogni brama che lo invita.
Il vento corre e passa in ogni lato, 
per fare su ogni pianta un seminato.
Che arcano godimento

è quel passare e correre di vento!
Sei tu la gioia, o fiato che si sparge 
e ci empie l’aria per montagne e piane.
Ma par che duri appena una ventata. 
poi si fa notte, e cessa la giornata.