GTranslate

Chi è online

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

VI CUNTU 
Emanuele Insinna

 

 

VI CUNTU

Vi cuntu -

lu tempu di quannu c'era:

"assabenerica patri - ti biniricu figghiu"

e li cavusi s'arripizzavanu.

La duminica pi li strati e li vaneddi,

pi l'aria s’impannava, un prufumeddu di sucu.

Era lu juomu di passiari cu lu lu vistitu bonu,

li piscaturi si mittevanu li scarpi

e si java a la missa patri, matri e figghi.

Vi cuntu-

quannu na taliata faciva ‘nnammurari,

na carizza e nu vasu era prumissa d’Amuri. Si crireva a la famigghia

e li figghi eranu pruvidenza di Diu.

‘Ntra lacrimi e spiranzi, la valiggia di cartuni,

si parteva pi lu cuntinenti
scunusciutu e friddu;

pi nun diri chiù: "voscenza...
un travagghiu" all’arba nta la chiazza.

Vi cuntu -

quannu li viddani scinneru di lu mulu

e acchianaru supra "la lapa";

s’avia tanta vogghia di fari politica,

pi 'na società chiù giusta,

contru la mafia e li mali patruna,

pi un travagghiu onestu e dignitusu.

S’avia tanta vogghia di futuru

e aspittannu lu novu seculu

li sonni eranu culurati.

Oggi ca semu na lu novu seculu

nun ci sunnu sonni di sunnari

né spiranzi di spirari.

Restanu sulu lu trolley cu lazzu d’emigranti,

figghi di salutari, lacrimi d’asciucari

e tantu duluri d’ammucciari.

E iu ca fazzu lu pueta

e scippu li palori a la vita,

viu latri festeggiati purtati a lu putiri,

omini onesti ca circanu ntra la munnizza

e picciotti ca diventanu
lu futuru d’avutri paisi.

Chistu, ora, rinesciu a cuntari.

 

VI RACCONTO

Vi racconto-

Il tempo quando c’era:

"mi benedica padre - ti benedico figlio"

e i pantaloni si rappezzavano.

La domenica per le strade e i vicoli,

per l'aria s’annebbiava, un profumo di sugo.

Era il giorno di passeggiare con il vestito 
buono, i pescatori si mettevano le scarpe

e s’andava a messa padre, madre e figli.

Vi racconto-

quando uno sguardo faceva innamorare,

una carezza e un bacio era una proposta d’Amore.
Si credeva nella famiglia

e i figli erano provvidenza di Dio.

Tra lacrime e speranze, la valigia di cartone,

si partiva per il continente 
sconosciuto e freddo; 
per non dire più: "vostra eccellenza ... 
un lavoro" all'alba nella piazza.

Vi racconto -

quando i villani scesero dal mulo

e salirono sopra "la moto ape";

s’aveva tanta voglia di far politica,

per una società più giusta,

contro la mafia e i mali padroni,

per un lavoro onesto e dignitoso.

S’aveva tanta voglia di futuro

e aspettando il nuovo secolo

i sogni erano colorati.

Oggi che siamo nel nuovo secolo,.

non ci sono sogni da sognare

né speranze da sperare.

Restano solo il trolley con il laccio d’emigrante,
figli da salutare, lacrime d’asciugare e tanto dolore da nascondere.

E io che faccio il poeta

e scippo le parole alla vita,

vedo ladri festeggiati portati al potere,

uomini onesti che cercano nell’immondizia

e giovani che diventano 
il futuro d’altri paesi. 
Questo, ora, riesco a raccontare.