GTranslate

Chi è online

Abbiamo 754 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

L’URA DI LI MISTERI
Vincenzo Schembri

 

 

L’URA DI LI MISTERI

Don don… don don... 
Campani di lu vespru,
ni ‘ll'ura di misteri

tra i rosati bagliuri
d’un tramuntu fugaci
c’è un alitar di brezza...
un frimitiu d'ali...
l’echi sunori e tremuli
di rintocchi argintini
s’inseguinu e si urtanu
fistanti birichini.

La sinfunia sulenni
di 'dri noti arcani
è vuci d’autri lochi,

è messaggiu di spranza
ca risona ni' l’animu
comu un innu a la vita.

E’ priera summessa

ca mitica lu cori,

è messaggiu d’amuri,

anelitu di paci!

 

NELL'ORA DEI MISTERI

Don don ...Don don... 
Campane vespertine, 
nell’ora dei misteri 
tra rosei bagliori 
d’un fugace tramonto 
c'è un alitar di brezza... 
un fremito d'ali...  
gli echi sonori e tremuli 
di rintocchi argentini 
s’inseguono e si urtano 
festanti birichini.
La sinfonia solenne 
di quelle note arcane 
è voce d’altri siti 
che rimbalza nei cuori,
messaggio di speranza, 
come un inno alla vita.
Fervida preghiera 
che scuote dai torpori, 
è fremito d’amore, 
anelito di Pace!

                     

ANALISI ESTETICA:  E' l'ora dei Misteri vespertini, l'ora in cui si sente particolare predisposizione e necessità di raccogliersi ed accostarsi alla preghiera. I rintocchi delle campane dell’Avemaria si perdono per l'aria e sembrano guizzare tra i rosei bagliori del fugace tramonto. Il poeta, immerso in quell'arcana atmosfera, prova la dolce sensazione di vagare in un’Eden di beatitudine e di sogno. Con serena nostalgia nota che la spirale del tempo ci sta portando via un altro giorno ancora. Pervaso da ineffabile stupore e profondo misticismo, avverte la brezza che gli sfiora il viso come un fremito d’ali di angeliche creature. Gli echi sonori e vibranti dei rintocchi argentini delle campane sono percepiti dal suo animo come una voce misteriosa, voce di monito che proviene dall'Aldilà e prorompe poderosa come messaggio di speranza, come fervida preghiera che scuote il cuore dal torpore, come fremito d’amore ed anelito di pace.