GTranslate

Chi è online

Abbiamo 784 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

LU CHIANTU DU SILENZIU
Liliana Tondo

LU CHIANTU DU SILENZIU

 

Tra li spirali cupi

di la lupa marina

si leva un cantu stranu,

un coru primitivu,

ca risona ni l’animu

sulenni sinfunia.

Pari un addiu cummossu

a la terra nativa,

un addiu estremu

ca nu' 'npensa o' ritornu;

na' priera cummossa

p’un sicuru arrivu;

e' disidreriu e ansia

d’una accuglienza amica.

All’impruvisu un bottu...

grida di tirruri...

e 'ppoi...tuttu taci!

si senti sulu attornu

lu chiantu du silenziu…

un chiantu senza fini…!

tutti li sonni e a' spranza

di paci e libirtà

dorminu ’nfunnu o' mari

u' mmari senza pietà.

 

                                                           

IL PIANTO DEL SILENZIO

 

Tra le spirali cupe

di nebbia opprimente

emerge un canto esotico,

un coro primitivo

che risuona nell’animo

solenne sinfonia.

Sembra un addio commosso

alla terra natia,

un addio supremo

che non spera al ritorno;

e' preghiera sommessa

per un sperato arrivo; è inno alla speranza

di libertà e di pace;

desiderio e ansia d’una accoglienza amica.

Un boato improvviso...

che grida strazianti!

poi... nulla più.

Si sente solo attorno

il pianto del silenzio...

un pianto senza fine...!

I sogni e la speranza

di pace e libertà

dormono in fondo al mare,
un mare senza pietà.