GTranslate

Chi è online

Abbiamo 78 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

CAPANNUNI E RIATTERI
Lillo Taibi

CAPANNUNI E RIATTERI

Na vota i pisci frischi ‘o capannoni
a genti s’accattava, speciarmenti
quannu  ‘a  so’ casa aviva assai pirsuni;
ammeci se ci aviva  poca genti
un chilu di vurgiuna  s’accattava
ni riatteri, s’erunu  ppirnenti
o masannò do’purpi agliummariava
ccu quattru sardi e un pugnu d’ammareddri,
ca “suuuunu viiiiiiiiiivi”, accussì vanniava
‘u riatteri o cianu, e ni vaneddri,
ennu ammuttannu a ppedi ‘a so’ carriola.

Na vota. Ammeci ora ni vaneddri
‘un cci nn’è cciù  riatteri cca carriola :
si ficiru ‘a lapuzza e ponu stari
unni e jjè cchi pisci ni casciola
di giazzu cummigliati e d’acqua ‘e mari
vidè sbrizziati, sempri, tutti l’ura,
senza bisognu cciù di vanniari.

 Cci su’ ‘a matina e vidè quannu scura,
mpustati ‘o portu e cursa principali,
sti lapi cini pisci di misura
ca parunu addrivati e tali e quali
‘un sunu a chiddri, quannu ddra  ‘a marina
ni davunu ntrusciati ni giurnali.

 Putii nn’avemmu mancu na dicina,
ma ni putii ‘a genti da Licata
picca cci va’, i pisci ogni matina
ni riatteri accatta,  è abituata,
cumminta ca su’ pisci licatisi
piscati cchi varcuzzi na’ nuttata.

Ccu capannuni ciusu stu paisi
para ca ‘unn’ava cesa unni priari
e cchi riatteri unn’è ca sunu misi
trova ‘a cannila e ‘a po’ addrumari.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

CAPANNONE E VENDITORI DI PESCE

 

Una volta i pesci freschi al vecchio mercato ittico la gente li comprava, specialmente
quando in casa aveva molta gente;
invece se in casa erano in pochi
un chilo di ghiotti si comprava
negli ambulanti pescivendoli, se costavano poco, oppure metteva insieme qualche polpo
con delle sarde e un pugno di gamberetti
perché : “sono vivi", cosi li decantava
il venditore nelle strade e nelle viuzze,
mentre spingeva a piedi una cigolante carriola.

Questo una volta. Adesso pero nelle viuzze
non ci vanno più gli ambulanti con la carriola :
si sono muniti di motoApe e stazionano
dove vogliono con i pesci in moderni contenitori di polistirolo frammisti a ghiaccio e con acqua di mare  spruzzati continuamente
senza bisogno più di decantarli.

Sia di mattina che di sera si trovano nelle vicinanze del porto e nei corsi principali
queste motoApe cariche di pesci calibrati
che sembrano allevati e non sono uguali
a quelli che una volta, là, nel quartiere Marina
ce li porgevano avvolti nel giornale.
Pescherie ne abbiamo meno di una decina,
ma in questi negozi la gente di Licata
ci va poco, i pesci ogni mattina li compra 
da questi pescivendoli, in quanto abituata
e convinta che sono pesci del mare licatese
pescati con le piccole barche durante la notte.
Eh si! con l’amico mercato del pesce dimesso
sembra che il licatese non abbia più la chiesa dove andare a pregare e con questi ambulanti moderni ovunque piazzati trova motivo di ovviare, (accendere la candela) alle vecchie usanze.