GTranslate

Chi è online

Abbiamo 143 visitatori e nessun utente online

 

LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2010- 2011
Presidente Dr. Antonio Massimo Grillo

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 10° EDIZIONE
sezione Canzoni

U ME AMICU TRENU
Giancarlo Coppola

 

 

 
 
 

“ ’U ME AMICU TRENU ”

Ah hum  Ah hum     Ah hum hum hum 

Stu ferru vecchiu, nuddu e nenti,
cu’ du occhi ri giganti, 
vuci ‘rossa i cumannanti, pri bonu
ma ‘gnuranti e fa Flù e flù e flù
Stu spiritu sfreccianti
tira rittu e un ti talia,
curri ‘n capu ‘a ferrovia, c’avi i roti
ma un firria e fa Flù e flù e flù
Si ci capita, pa’via,
chi s’incontra cu li strati,
fermi tutti! Un passati!
Già li ferra su calati e fa
Flù e flù e flù e ancora

N’à lu chianu iddu av’a ‘gghiri,
ri firriari unn’à parrai
picchì poi pì laminari
scarpi unn’avi e un ci la fa.

Ora vi cuntu ‘a storia ri Rosalia…
Rosalia era donna ri paisi,
Rosalia era ‘a chiù canusciuta ‘i tutti
picchì avia ru occhi…
Ma ru occhi… C’acchianau Rosalia,
chidda ch’avi ‘a minna ‘rossa,
ch’avi ‘rossi puru l’ossa, ‘ntra di seggi
un ci passa. Effù effù effù

Chidda spratica ri tuttu
un pinsava propriu a nenti,
mancu a farisi ù bigliettu
prima r’iri n’ai parenti.
Si talia i muntagni fora,
mentri arriva ‘a controllora.
U’ trenu curri a centu all’ura e si ni và.

La dumanna è sempri ‘a stessa:
“Chi, ci l’avi lu bigliettu?

s’aggiustassi ù reggipetto e avissi

 un pocu ri rispettu.” effù effù effù

Signorina, cosa ha detto?”
“Lei, signura, av’attintari,
mi ricissi unn’av’a gghiri,
lu bigliettu l’av’a fari. effù effù effù

Satau fora un signuri.
“Sugnu un carabinieri
La signura av’a pagari.”
La squadrà ra testa ai peri.
l’accumpagna n’a cabina,
assicuta ‘a signorina.
Mentri u trenu iddu camina e si ni và.

Ora Rosa av’a cantari.
Cu lu ricia chi ‘a “minna ‘rossa”,
‘ntà du viaggiu a Linguaglossa,
c’avia a sentiri stà scossa.

Si sintia trimari l’ossa.
Iddu,fissu la taliava.
A idda ‘a manu ci trimava.
Mentri ‘a luci ci mancava.

Cù du scuru iddu tuccava.
Idda forti l’alluntana,
cari ‘ncapu la poltrona
e senti ruru, e s’avvicina.

Na lu trenu si curcaru
finu a quannu unn’arrivaru.
Tutti  rui si maritaru. 
Pi iddu fù un vuccuni amaru.
Rosalia ogni matina
‘ncontra sempri ‘a signorina,
un signuri s’avvicina e gliela dà.

Stu ferru vecchiu, nuddu e nenti,
cu du occhi ri giganti,
ruvinau du cumannanti
chi tutt’ora un sapi nenti e fà…

 

                                                                                                                   


"IL MIO AMICO TRENO"

Ah uhm    ah uhm     ah uhm uhm uhm    

Questo ferro vecchio, insignificante,
con due occhi da gigante,
voce grossa da comandate,

sembra buono ma ignorante e fa Flu e flu e flu

Questo spirito sfrecciante
prosegue dritto e non ti guarda,
corre sulla ferrovia, ha le ruote 
ma non gira e fa Flu e flu e flu

Se gli capita, durante il tragitto,
di incrociare le strade
fermi tutti! Non passate!
Già le barriere sono abbassate e fa
Flu e flu e flu

In pianura lui deve andare,
di girare non se ne parla
perchè poi per camminare
non ha scarpe e non ce la fa.

Adesso vi racconto la storia di Rosalia...
Rosalia era una donna di paese,
Rosalia era la più conosciuta
perchè aveva due occhi...
Ma due occhi... Ci è salita Rosalia,
quella con il seno prosperoso,
che ha grosse anche le ossa,
fra le sedie non passa. Effù effù effù

Lei inesperta in tutto
non pensava proprio a niente,
neanche a fare il biglietto
prima di andare dai parenti.
Guarda fuori le montagne,
mentre arriva il controllore.
Il treno corre a cento all’ora e se ne va.

La domanda è sempre la stessa:
" Che, ce l’ha il biglietto?

Si aggiusti il reggiseno
e abbia un poco di rispetto."
Effù effù effù

"Signorina, cosa ha detto?"
"Lei, signora, deve ascoltare,
mi dica dove deve andare,
il biglietto lo deve fare." Effù effù effù

Saltò fuori un signore.
"Sono un carabiniere.
La signora deve pagare."
La squadrò dall'alto in basso.
La accompagna in una cabina,
Manda via la signorina.
Nel frattempo il treno cammina e se ne va.
Ora Rosa deve confessare.
Chi lo avrebbe detto che la "minna 'rossa",
in quel viaggio a Linguaglossa,
doveva provare questa forte emozione.

Sentiva tremare le ossa.
Lui, la fissava.
A lei tremavano le mani.
Nel frattempo la luce viene a mancare.

Al buio lui ne approfittava.
Lei lo allontana con forza,
cade sulla poltrona e avverte in lui 
una forte passione, e gli si avvicina.

Su quel treno amoreggiarono
fino all'arrivo. Si sposarono.
Per lui è stato un boccone amaro.
Rosalia ogni mattina
incontra sempre la signorina,
un signore le si avvicina
e lei gli si concede.

Questo ferro vecchio, insignificante,
con due occhi da gigante,
rovinò quel comandate
che tutt’ora non sa niente e fa…