GTranslate

Chi è online

Abbiamo 33 visitatori e nessun utente online

 

LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2010- 2011
Presidente Dr. Antonio Massimo Grillo

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 10° EDIZIONE
sezione Canzoni

L'OMERTA' 
Gioacchino Di Bella

1° Classificata

 

L'OMERTA' 
(Lu vò avi la lingua grossa 
e un po' parlari)
Gioacchino Di Bella e "I Cantores Insulae"

Ascunta sta prighiera Diu di l'amuri 
pi chista genti ca travaglia pi mangiari. 
Dopu un iornu di iri a travagliari 
sulu un pezzu di pani la sira pi mangiari.
Chista vita nuantri amma fari 
e pi l'antri amma travagliari. 
Chista liggi è pi cu è patruni, 
iddri intra e nuantri a brancicuni, 
pi purtari miezzu a sta miseria, 
fami, siti, pi l'eternità.
'Ntra sta campagna tutti, tutti 
a ralligrari miezzu a li lavura, 
cu canta e fa pietà. 
Cu canta pi duluri scurdannu li so guai, 
sutta lu suli vuddri la voglia di sfugari.
Sbarra o omu lu to saccu chinu 
d'ingiustizi e di 'nfamità,
va ni chuddru ca ti sfrutta a morti,
lu patruni ca ti cumannò
Ma lu vò avi la lingua grossa e !
nun po', nun po' mancu parlari.
Darriè lu munti è ghiuntu, 
lu suli ormai cuddrà pi n'antru iornu 
ancora, nuantri amma pinsari. 
Scurdammuni sti guai, 
ca n'amma rassignari e comu 
Gesù Cristu sta cruci amma purtari.

(Recitato)
E tu ca di Diu, libera fusti criatu, 
la to menti libera fu fatta pi pinsari.
Pi ogni cosa ca tu vidi e sienti,
nun lassala d'intra lu to cori.
Quannu li to occhi vidinu 
nni stu munnu tanta 'nfamità,
nun stari fermu a taliari e a nun diri nenti,
ma libera lu to cori, sbarra la to menti.
Lu vò avi la lingua grossa 
e nun pò parlari, VERU ! ! !

Ma tu cu la to vucca, pò gridari 
la verità e fìnilla cu l'omertà.
puoi gridare la verità 
e finirla con l'omertà.

 

                                                                                                                                           

L'OMERTÀ' 
(II bue ha la lingua grossa 
e non può parlare)

Ascolta questa preghiera, Dio dell'amore, 
per questa gente che lavora per mangiare. Dopo un giorno di lavoro, 
solo un pezzo di pane, la sera per mangiare.
Questa vita noi dobbiamo fare 
e per gli altri dobbiamo lavorare. 
Questa legge è per i padroni, 
loro dentro casa e noi chini nei campi,
per portare in questa miseria: 
fame, sete per l'eternità.
In questa campagna siamo tutti in allegria, 
in mezzo ai campi di grano, 
c'è chi canta e chi è in uno stato pietoso.
Chi canta per dolore, dimenticando

anche i propri problemi, sotto il sole

bolle la voglia di sfogare.
Svuota, uomo, il tuo sacco pieno 
di ingiustizie e infamità, 
vai da quello che ti ha sfruttato a morte, 
il padrone che ti ha condannato. 
Ma il bue ha la lingua grossa e 
non può neanche parlare.
Il sole è arrivato dietro il monte, 
è già tramontato e per un altro giorno 
ancora, noi dobbiamo pensare.
Dimentichiamo i nostri problemi, 
rassegniamoci e come 
Gesù Cristo portiamo la croce.

E tu che da Dio libera sei stato creato, 
la tua mente libera è stata fatta per pensare.
Per ogni cosa che tu vedi e senti, 
non lasciarla dentro il tuo cuore.
Quando i tuo occhi vedono 
in questo mondo tanta infamità
non restare fermo a guardare e a non dire niente.

libera il tuo cuore, svuota la tua mente. Il bue ha la lingua 
grossa e non può parlare, VERO!! !

Ma tu con la tua bocca, puoi gridare
la verità e farla finita con l'omertà,
puoi gridare la verità 
e farla finita con l'omertà.