LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2009- 2010
Presidente Prof.ssa FRANCA CARRUBBA

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 9° EDIZIONE
sezione Canzoni

TARANTUNNA
Alberto Alamia


 

 

 

TARANTUNNA

Piscaturi a primavera cu li lanci e cu li riti, 
priparativi a riciviri li tunna,
susitivi ru lettu accuminciati a rimari, 
i tunna un si fannu aspittari,
affilativi li lanci e priparativi alla scanna, 
u tunnu nillu mari già' si scanta,
all'alba chianu chianu 
quannu u suli sta surgennu,
cu chianci, cu riri, bedda Matri ch'infernu,
e dintra na stu mari, cu avi vogghia ri scappari, 
ittannu vuci e e farisi ajutari...
Allora si ca pò spirari...
I tunna un si fannu aspittari, 
cu li riti e cu li lanci i pò ingannari,
i tunna un si fannu aspittari, 
cu li riti e cu li lanci i pò pigghiari.
Nallu strettu ri Messina 
tutta l'acqua e' vagnata, ngrasciata 
dallu sangu ri li tunna.. .
e di ruluri cca s'affunna...

Pigghialu ammazzalu legalu 
tenilu strittu un fallu scappari
rintra na latta lu vamu mittennu, 
un mari ri sordi putemu vuscari.
camina caticamina, u zzu Vice' 
chi mancia racina, 
u zzu' Toto' a pignata arrimina 
e tutti rumani manciamu tunnina:
mattanza culuri ra morti, 
noi ri li tunna diciamo la sorti,
chiddu cchiu' nicu u futtemu, 
chiddu cchiu' gorssu u vugghemu,
camina caticamina, 
u zzu Vice' chi mancia racina , 
u zzu' Toto' a pignata arrimina 
e tutti rumani manciamu tunnina.
cu lli riti e ccu li lanci i pò ammazzari

I tunna un si fannu aspittari, 
i tunna un si fannu aspittari, 
cu lli riti e ccu li lanci i pò pigghiari
E quannu sunnu tutti intrappolati, 
s'ammuttanu e s'ammazzanu tra ri iddì…
ma chi m'attanza senza stiddi...
Pigghialu ammazzalu legalu 
tenilu strittu un fallu scappari
rintra na latta lu vamu mittennu, 
un mari ri sordi putemu vuscari.
Camina caticamina, 
u zzu Vice' chi mancia racina, 
u zzu' Toto' a pignata arrimina 
e tutti rumani manciamu tunnina;
mattanza culuri ra morti, 
noi ri li tunna diciamu la sorti,
chiddu cchiu' nicu u futtemu, 
chiddu cchiu' grossu u vugghemu,
camina caticamina, 
u zzu Vice' chi mancia racina , 
u zzu' Toto' a pignata arrimina 
e tutti rumani manciamu tunnina

I tunna un si fannu aspittari 
cu lli riti e ccu li lanci i pò ammazzari
i tunna un si fannu aspittari 
cu lli riti e ccu li lanci i pò ammazzari
e quannu sunnu tutti intrapulati..
s'ammuttanu e s'ammazzanu tra ri iddi
ma chi mattanza senza stiddi.
Camina caticamina,
u zzu Vice' chi mancia racina, 
u zzu' Toto' a pignata arrimina 
e tutti rumani ricemu;
camina caticamina, 
u zzu Vice' chi mancia racina, 
u zzu' Toto' a pignata arrimina 
e tutti rumani ricemu:
camina caticamina, 
u zzu Vice' chi mancia racina, 
u zzu' Toto' a pignata arrimina 
e tutti rumani ricemu:

 

 

TARANTUNNA (tarantella dei tonni)

 

Pescatori a primavera, 
con le lance e con le riti
preparatevi a ricevere i tonni,
alzatevi dal letto, cominciate a remare,
i tonni non si fanno aspettare,
affilate le lance e preparatevi alla mattanza,
il tonno nel mare già è spaventato,
all'alba piano, piano,
quando il sole sta sorgendo,
chi piange chi ride, o Madonna, che inferno,
e dentro questo mare chi ha voglia di scappare,
gridando per farsi aiutare.
Allora si che puoi sperare…
I tonni non si fanno aspettare,
con le reti e con le lance li puoi ingannare,
i tonni non si fanno aspettare,
con le reti e con le lance li puoi prendere.
Nello stretto di Messina 
tutta l'acqua è impregnata, sporca 
dal sangue dei tonni…
e dai dolori che s'affonda.
Prendilo, ammazzalo, legalo
tienilo stretto, non farlo scappare
dentro le scatole lo andremo a mettere
un mare di soldi possiamo guadagnare.
Cammina e di nuovo cammina 
lo zio Vincenzo che mangia uva,
lo zio Totò la pentola mescola
e tutti domani mangeremo tonnina;

mattanza colore della morte
noi dei tonni segniamo la sorte,
quello più piccolo lo freghiamo,
quello più grosso lo bolliamo,
Cammina e di nuovo cammina
lo zio Vincenzo che mangia uva,
lo zio Totò la pentola mescola
e tutti domani mangeremo tonnina
con le reti e con le lance li puoi ammazzare,

I tonni non si fanno aspettare,
i tonni non si fanno aspettare,
con le reti e con le lance li puoi prendere,
E quando sono tutti intrappolati,
si spingono e si uccidono tra di loro…
ma che mattanza senza stelle…
Prendilo, ammazzalo, legalo
tienilo stretto, non farlo scappare
dentro le scatole lo andremo a mettere
un mare di soldi possiamo guadagnare.
Cammina e di nuovo cammina 
lo zio Vincenzo che mangia uva,
lo zio Totò la pentola mescola
e tutti domani mangeremo tonnina:
mattanza colore della morte
noi dei tonni segniamo la sorte,
quello più piccolo lo freghiamo,
quello più grosso lo bolliamo,
Cammina e di nuovo cammina 
lo zio Vincenzo che mangia uva,
lo zio Totò la pentola mescola

e tutti doma mangeremo tonnina.

Cammina e di nuovo cammina 
lo zio Vincenzo che mangia uva,
lo zio Totò la pentola mescola

e tutti doma mangeremo tonnina.

Cammina e di nuovo cammina 
lo zio Vincenzo che mangia uva,
lo zio Totò la pentola mescola

e tutti doma mangeremo tonnina.

Cammina e di nuovo cammina 
lo zio Vincenzo che mangia uva,
lo zio Totò la pentola mescola

e tutti doma mangeremo tonnina.

 

 

Da tre anni Alberto Alamia ha intrapreso un percorso artistico con la Compagnia del Mare, dopo un anno e mezzo dalla sua formazione e la successiva rottura, il suo percorso artistico e' da cantautore in lingua dialettale siciliana. Ha avuto il piacere di collaborare con diversi artisti quali : G. Politi e S. Cappello.
Si è esibito a Palermo in diversi teatri quali : L'agricantus, Ditirammu, Al Convento e Teatro Politeama.
Per il prosssimo anno sta lavorando ad un recital in cui spera di attirare collaborazioni prestigiose quali : M. La Guardia e band. Attualmente collabora con T. Greco 
( chitarrista ), e sta lavorando sugli arrangiamenti per le canzoni in lingua dialettale di un CD che uscirà tra poco.

ltati.

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 249 visitatori e nessun utente online