LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2009- 2010
Presidente Prof.ssa FRANCA CARRUBBA

 
 

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 9° EDIZIONE
sezione Canzoni

SUGNU NAPULIUNI
Gaetano Scimè

 

 

SUGNU 'NAPULIUNI
 
Granni e' lu celu e li nuvuli a mazzi 
ora lu suli ca spacca li rocchi 
ora li grannuli ca cadinu a blocca 
ora lu chioviri percia 'nda li ossa.
Senza nidu patruna di la chiazza 
di li patruna portanu l'antra razza. 
l'uocchiu ca curri 'ni l'aria senza meta 
comu un carusu appiersu na kumeta.

Senza canusciri tiempu o stagiuni 
senza prigari santi o patruni 
senza vasari li manu a vuscenza 
passa "Caluzza" cu tanta mpunenza.
Sugnu' "Napuliuni", caminu a brancicuni
avia lu munnu 'nmani ora sugnu senza pani,
iu sugnu "Garibaldi" e manciù pani e sardi 
si piscu a "Manueli" c'ia fari scattari u feli 
iu sugnu Ppippineddra" di tutti la chiù' beddra 
deci mariti appi, ma sugnu virgineddra.

Ni stebbica di odiu e di gnuranza 
unni lu veru perdi la mpurtanza 
di li voti capita tra li genti 
cunta ch'iossa' cu nun vali nenti.

Puru capita di genti timurata 
a furia di cantari la so parti
cumpunni la minzogna a la ragiuni 
canciannu jornu a jornu li son carti.

SONO NAPOLEONE

Grande è il cielo e le nuvole sono a mazzi
a volte c'è il sole che spacca le pietre
a volte, la grandine che cade a cubetti
A volte la pioggia entra dentro le ossa.
Senza casa, padroni della piazza
dei padroni portano l'altra razza.
l'occhio che corre nell'aria senza meta
come un ragazzo appresso ad una cometa.
Senza conoscere tempo o stagioni
senza pregare santi o padroni
senza baciare le mani a "vuscenza" (padrone)
passa "Caluzza" con tanta imponenza.
Sono Napoleone, cammino a tentoni
avevo il mondo nelle mani, 
ora sono senza pane,
io sono "Garibaldi" e mangio pane e sarde
se pesco a "Manuele" 
debbo fargli scattare il fiele
io sono "Peppinella" di tutti la più bella
dieci mariti ho avuto, ma sono ancora verginella.
In quest'epoca di odio ed ignoranza
dove il vero perde importanza
a volte capita tra la gente
che conta di più chi non vale niente.
Capita pure che gente timorata (di Dio)
a furia di cantare la sua parte
confonde la menzogna con la ragione

cambiando di giorno in giorno le carte


I CHIARAMONTE, gruppo musicale diretto da Gaetano Scimè, iniziano l'attività come gruppo di musica popolare nel 1987 con un accurato lavoro di ricerca e di studio nel panorama della musica popolare siciliana, portando alla luce tanti frammenti della memoria collettiva che inesorabilmente sarebbero caduti nel dimenticatoio. In questi anni il gruppo elabora musiche, ballate e canti popolari che si richiamano ai valori della nostra storia e della tradizione siciliana, frapponendo, già da allora, strumenti tipici come "lu friscalettu", il tamburello ed il mandolino, a strumenti diversi come l'oboe, le percussioni ed altri, armonizzando il tutto con ritmi particolari, attraverso una nuova miscela di suoni mediterranei.

 

 

 

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 133 visitatori e nessun utente online