Stampa
Categoria: CARRUBBA FRANCA ANNO SOCIALE 2009-2010
Visite: 792

LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2009- 2010
Presidente Prof.ssa FRANCA CARRUBBA

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 9° EDIZIONE
sezione Poesie

ARRADICATU
Lillo Taibi

 

 

 

ARRADICATU

Beddru è passiari,

ridiri, babbiari,

quannu 'nzacchetta 'un mancunu i dinari;

beddru è taliari i robbi ni vitrini,

o mercatinu i cosi di mangiari,

quannu travagli e tu pò guadagnari

e chiddru ca ti serva u po' accattari!

Ammeci è tintu

quannu tu passii

cchi sacchetti vacanti

o mancu nesci
pirchì 'un ci à sordi,

ti raspi a testa e cciù ti cacianii.

"Pigliti u trenu e parta,

cerca fora

chiddru ca o to paìsi 'un po' truvari! "

Sta sintenzia ca para litania

l’haiu sintutu diri tanti voti

e ogni vota c’a sentu para a mmia

ca un cuteddru mi trasa dintr’o cori.

Pirchì ci penzi a chiddru ca vo' diri

iri a stazioni e sdari,

iriminni,

lassari a mamma, u patri, i frati e i soru

lassari i figli e a matri di ma' figli?

Quali piccati! fìciu

ppi aviri ssu castiu?

E' veru ca u bisognu fa piniari,

ma ppi cuscienza,

se ci havemmu un cori,

pirchì un cristianu,

comu a mmia e ttia,

s’innava giri fora a travagliari,

du so' paisi a sdari

e a giri a dari

sangu e suduri unn’è ca i forasteri

sunu taliati ccu tantu suspettu

e i siciliani,

comu semmu n’attri,

scanziati comu fussiru mafiusi

e quannu ci va' bonu

ppi latri di misteri su pigliati?

Ava a finiri

sta vriogna ca ni purtammu ncoddru;

ti l’aiu a diri:

ia cca nascivu e cca mi tocca stari,

ia cca nascivu e 'un’inni pozzu iri,

ca cca ci aiu i ma cosi,

i cosi da ma vita,

i megliu cosi

ca ‘un si ponu lassari;

fatimi fari chiddru ca vuliti,

zappari a terra,

vinniri, scupari,

iri ppi mari

e pura a dumannari,

ma d’iriminni, no, ‘un mi parlati;

addimuratu

e senza cumpanaggiu

un pezzu ‘i pani cca l’aiu a mangiari,

ni chista terra mia beddra e arraggiata,

ni stu paisi ca’'un si po' scurdari,

sutt’a stu suli ca mi cocia a testa,

cchi pedi a moddru ni stu beddru mari

ca è di cristallu e ci ava i spiaggi d'oru,

ni stu paisi ca ti fa addannari,

ma comu a iddru

'n’attru 'un po' truvari :

ccu portu comu ci ava cca lanterna,

ccu forti e cca muntagna,

cchi casi sdirrubbati e i casi antichi,

cchi casi novi,

i cursa,

i strati stritti,

i villina ca parunu jardina,

a genti ca fa a babba,

ma 'unn'è babba

e l'attri milli cosi assai spiciali

ca se l'aiu a cuntari

un libbru 'un po' abbastari…

'un m'inni pozzu iri

e tu 'un mi po' mannari :

ia cca nascivu e cca mi tocca stari,

ia cca nascivu e cca vogliu campari,

cca sugnu arradicatu, 'un mi tuccari........

… finu ca n'ncelu 'un mi ciama 'u Signuri.

                                                                                                                                                                          

RADICATO

Bello è passeggiare,

ridere, scherzare,

quando in tasca non mancano i soldi;

bello è guardare le magnificenze nelle vetrine,

nei supermercati le bontà da mangiare,

quando con il lavoro si guadagna

e ciò permette di potere fare acquisti!

Invece è cosa triste

quando si deve andare in giro

con le tasche vuote

o si è costretti a stare in casa,
lacerandosi il cervello,

perché non si hanno soldi da spendere.

" Prenditi un treno e parti,

vai lontano a cercare

quello che nel tuo paese non puoi trovare!"

Questo motto monotono e crudele

io l’ho sentito ripetere tante volte

e ogni volta che l’ho sentito mi è sembrato 
che un coltello m’abbia trapassato il cuore.

Perché, ci pensi cosa vuoi dire

andare alla stazione e partire,

scappare,

staccarsi dalla propria madre, dal padre, 
dai fratelli, dalle sorelle, abbandonare i figli e la moglie? Quale reato uno ha commesso

per avere questo castigo?

E’ vero che il bisogno fa penare,

ma in coscienza,

mettiamoci la mano sul cuore,

perché un essere umano,

come lo siamo tutti noi,

deve essere costretto ad andare fuori per lavorare,

deve lasciare il proprio paese,

deve andare a versare

sangue e sudore là dove gli immigrati

sono guardati con sospetto

e quelli che sono siciliani,

i nostri corregionali,
schivati come fossero mafiosi
e quando va' bene

trattati come ladri del lavoro dei locali?

Deve finire

questa vergogna che ci portiamo addosso,

non posso tacere: 
Io qui sono nato e qui mi tocca stare,

qui sono nato e da qui non me ne posso andare,

perché qui ho le mie cose care,

le cose belle della mia vita.

quelle preziosità

che non si possono abbandonare;

qualsiasi cosa sono disposto a fare, 
il contadino, 
il commerciante, lo spazzino,

il marinaio,

persino vivere d'elemosina,

ma non voglio sentirmi dire di partire;

anche secco

e senza companatico

un pezzo di pane qui lo devo mangiare,

in questa terra mia bella e adirata,

in questo paese impossibile da dimenticare,

sotto a questo magnifico sole che scotta,

accanto a questo splendido mare

che sembra di cristallo ed ha le spiagge di sabbia dorata,

in questo paese che mi fa dannare,

ma come ad esso

un altro non si trova :

col suo porto ed il suo faro,

il suo castello sulla montagna,

le case diroccate e le antiche dimore,

le tante case nuove,

i corsi,

le strade strette e i vicoli,

i villini che sembrano giardini

la gente che sembra indolente,

ma indolente non è,

e tutte le altre cose speciali,

che se le dovessi elencare

un libro non può bastare…

non me ne posso andare 
e tu non mi puoi obbligare a farlo; 
io qui sono nato e qui mi tocca stare, 
io qui sono nato e qui voglio vivere, 
io qui ho le mie radici e non potete sradicarmi 
… finché non m'arriva la chiamata di Dio.