16° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2016-2017 - Presidente: Dr Agostino Balsamo

Sezione Poesie

L'AUTRA OCCASIONI
Orazio Minnella

 

L'AUTRA OCCASIONI

Avia abbuccatu 'n pisci 'nti la lenza
e mentri ca lu isava Giacuminu,
mitteva tantu amuri e tanta denza,
senza ascutari 'i vuci ddà vicinu
ca 'n picciriddu jittava ccu 'nsistenza;
la matri sciddicò 'nta 'ddu matinu
fra l'unni di lu mari e 'a so' viulenza,
la cunsignò 'nté mami dù Divinu.

Di tannu Giacuminu pù turmentu
si 'ntisi 'n omu inutili e 'ncapaci.
Passanu l'anni e non canciava 'u ventu
e l'arma d'iddu non si dava paci
'nto sentiri 'dda vuci ogni mumentu:
- "Pirchì non mi salvasti? - Mi dispiaci!...
- Lassai a me' figghiu sulu! - Ancora 'u sentu!".

Ma 'u casu lu tirò fora da "braci".
'Na siritina fridda di jinnaru
turnava a casa e visti sbracariata
la balaustra di cimentu e azzaru
ca prutiggeva 'u ciumi da la strata.
Ca luci di 'n lampiuni visti chiaru
'na machina 'nta l'acqua furriata;
ci vinni 'n menti 'ddu ricordu amaru
e si tummò dicisu 'nta 'dd'acquata.
'U ciumi era ghiacciatu e 'u friddu forti
lu 'ncripiddìu da testa 'nzinu e peri.
Rumpìu cù cauciu 'n vitru di li porti,
e libirò 'dda donna ccu misteri
scippannula de razza di la morti.
Dunca 'a purtò usannu 'i so' criteri
versu 'n spuntuni ca ci uffriu la sorti
e doppu fu agghiuttutu de buferi.
'Na luci janca si rapiu davanti
e ci apparìu cu facci risulenti,
'dda donna ca lu turmintau chi chianti,
pigghiannulu pi manu sulamenti
e su purtau 'nta luci fra li santi.
Minu, vulau filici e fu cuntenti;
capìu ca ccu 'ddu gestu 'nta d'istanti,
fu pirdunatu d'idda finalmenti.                                                                                                    

                                                                                                                       

L'ALTRA OCCASIONE

Aveva abboccato un pesce nella lenza
e mentre lo tirava Giacomino
metteva tanto amore e tanta dedizione
senza ascoltar le voci la vicino
di un bimbo che si sgolava con insistenza
la madre scivolò in quel mattino
fra le onde di quel mare e la violenza
la mise nelle mani del Divino.

Da allora Giacomino per il tormento
si sentì un uomo inutile ed incapace.
Passarono gli anni ma non cambiava il vento
e l'animo di lui non si dava pace
nel sentire quella voce ogni minuto
."Perchè non mi hai salvato ? - Mi dispiace!...
Lasciai mio figlio solo ! - Lo sento ancora !
Ma il fato diede a lui un'altra chance .

In una sera fredda di gennaio
tornando a casa vide crollata
la balaustra di cemento e acciaio
che proteggeva il fiume dalla strada.
Con la luce di un lampione vide chiaro
una macchina nell'acqua capovolta
gli venne in mente quel ricordo amaro
e si tuffò deciso dentro quell'acqua.

II fiume era ghiacciato e il freddo forte
l'ha raggrinzito dalla testa fino ai piedi
Ruppe con un calcio il vetro delle porte
e liberò la donna con mestiere
strappandola dalle braccia della morte
Quindi la poggiò, usando i suoi criteri
verso un approdo che gli offrì la sorte
e dopo fu inghiottito dentro il fiume.
Una luce bianca si parò davanti
ed è apparsa con viso sorridente
quella donna che lo tormentò coi pianti
prendendolo per mano solamente
e lo condusse in cielo fra i santi
Mino, volò felice e fu contento
capì che con quel gesto in quell'istante
da lei fu perdonato finalmente.

                                                                                                                                                    

 

 

 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online