LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2015-2016  
Presidente: Nicolò La Perna

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 15° edizione
SEZIONE POESIA

A MAMMA RI PIPPINU (Impastato)
Paolo Marletta

 

 

A MAMMA RI PIPPINU

Figghiu, figghiu miu,
si sempri no ma cori e ne ma pinzera,
quannu a notti ti suonnu
lu tiempu firmari vulissi.

Sciuri, sciuri miu, sciatu ro ma cori,
libiru criscisti comu li ucieddi.
Ne tirrina caminavutu, li mura savutautu,
ne macci accianavutu
e libiru ti sintievutu comu n’aucieddu.

A crisciri accuminzasti e i pila na facciuzza
t’accuminzaru a crisciri
e u vuolu accuminzasti a pigghiari.

E iu scantu accuminzai aviri,
ca i braccunieri ammazzari ti putievunu,
prescia nunn’aviri ti ricia,
ma firmari nun ti potti
picchì libiru vulisti essiri
e cuomu n’cunigghiu t’ammazaru.

Cianci, u ma cori cianci,
carizzi ti vulissi fari,
vasari ti vulissi e li ta uocci taliari.

Cianciemmu cori miu,
cianciemmu ri dulura e gioia,
picchì ri uomminu libiru tu muristi.

                                                                   

 

 

LA MAMMA DI PEPPINO (Impastato)

Figlio, figlio mio,
sei sempre nel mio cuore, nei miei pensieri,
quando di notte ti sogno,
vorrei fermare il tempo.

Fiore, fiore mio, fiato del mio cuore,
libero sei cresciuto, come gli uccelli.
Camminavi per le terre, saltavi i muri,
salivi sugli alberi
e ti sentivi libero come un uccello.

Hai iniziato a crescere, e i primi peli
sul viso ti sono cresciuti
ed hai iniziato a volare.

Io ho iniziato ad avere paura
che i bracconieri ti potessero uccidere,
ti dicevo di non avere fretta,
ma non ho potuto fermarti,
perche volevi essere libero
e ti hanno ucciso come un coniglio.

Piange, il mio cuore piange,
vorrei accarezzarti e baciarti
e guardare i tuoi occhi.

Piange il cuore mio,
piange di dolore e di gioia,
perché sei morto da uomo libero.


                                                       



 













 
 

GTranslate

Chi è online

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online